“Mi chiamo Francesco Colloneve e di mestiere sono un imbalsamatore”. L’esordio di Gabriele di Fronzo a La colazione dei campioni.

14

“Mi chiamo Francesco Colloneve e di mestiere sono un tassidermista, le ragioni per cui imbalsamo animali sono le ragioni che le persone che a me si rivolgono hanno per domandarmi di farlo, sono dieci anni che lavoro tenendo dietro ai motivi dei miei clienti, ma è altrettanto certo che a parer mio faccia più compagnia un cane morto e poi impagliato di un criceto che pure sia tuttora vivo e vegeto.”

Fare la conoscenza di Francesco Colloneve, il protagonista del romanzo di esordio di Gabriele Di Fronzo uscito per nottetempo (la davvero ottima collana nottetempo.it a cura di Chiara Valerio) è un’esperienza che potrebbe rivelarsi importante per diverse ragioni. La prima è che Francesco Colloneve riesce a trasformare l’esperienza della perdita in un’attività tanto folle quanto profondamente terapeutica e ricca di significati simbolici, la seconda è che la lingua che usa per raccontare il suo mestiere e per trasportare il lettore dentro il suo lavoro è una lingua che strizzando l’occhio ai testi sacri della tassidermia di fine secolo scorso riesce a far accomodare il lettore e a farlo sentire a proprio agio in un mondo certamente non molto frequentato ai nostri giorni.

Ai nostri microfoni Gabriele Di Fronzo ci ha raccontato alcuni retroscena dietro a Il grande animale, spiegandoci perché qualunque cosa non si voglia perdere va innanzitutto svuotata.

 

Tracklist:

    • The White Stripes, Apple Blossom da Eightfull Eight OST, (2002, 2015)
    • Savages, The Answer da Adore Life, Matador Records, 2016
    • Nada, L’amore devi seguirlo, da L’amore devi seguirlo, Santeria/AudioGlobe, 2016

 

 

Scarica il PODCAST

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.