Merola: “Sulla mobilità non abbiamo dialogato, ora una commissione traffico”

virginio merola a radio citta del capoBologna, 14 giu. – Navette elettriche nei Tdays, misure immediate per via Irnerio troppo intasata di autobus, una commissione traffico sul modello di quanto già fatto per le mense delle scuole comunali. Sulla mobilità il sindaco Merola corregge decisamente la rotta e apre al dialogo con i cittadini. “La commissione mensa è andata così bene perché abbiamo dato potere di controllo e non solo di consultazione ai genitori – ha spiegato Merola negli studi di Radio Città del Capo – Nei prossimi giorni daremo vita a un comitato composto anche dagli autisti Tper e dalle persone che rappresentano i portatori di handicap e gli anziani della città. Così potremo costruire assieme un servizio di qualità e valutare i provvedimenti assieme prima di renderli operativi”. Poi il mea culpa. “Non si è dialogato a sufficienza, abbiamo sentito molto il fatto che da 20 anni non si prendevano decisioni in città sulla mobilità. I Tdays sono stata una battaglia di un anno e mezzo, poi ci sono stati i cantieri, poi le ciclabili, abbiamo trascurato il fatto che è meglio prendere le decisioni assieme”. Un modo per scaricare l’assessore Colombo? “Il sindaco sono io, nessuna scusa e nessun capro espiatorio”.

Nell’intervista Merola ha rivendicato i conti in ordine del bilancio comunale (“abbiamo anche un tesoretto da 19 milioni“) e parlato della futura giunta: “Se vincerò la squadra di assessori arriverà già mercoledì, ci sarà la parità di genere e una brava vice sindaco”. Sul voto annullato in tre seggi cittadini il sindaco ha detto che “ha fatto bene Bernardini a denunciare il problema, bisogna controllare perché questa è una questione che ci riguarda tutti”. Poi ha tratteggiato la differenza tra la coalizione che lo sostiene e la Lega Nord. “Qui si sta decidendo il futuro della città, tra una Bologna fedele ai propri valori e proiettata nella modernità, e una Bologna leghista in declino e chiusa, se non voti stai dicendo che io e la Lega siamo la stessa cosa, e non penso che qualcuno davvero pensi a una di questo tipo”.

Poi, a margine della trasmissione, ha affondato il colpo contro la sua avversaria Lucia Borgonzoni. La candidata sindaca del centro destra sarà questa sera al presidio delle associazioni lgbt per la strage di Orlando, e Merola commenta così: “Chieda scusa per 20 anni di politiche omofobe della Lega e perché il suo partito non ha votato le unioni civili”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.