Merola annuncia 200 assunzioni e chiama gli industriali: “Risposte concrete su Insieme per il lavoro”

Bologna, 31 ago. – Un piano di nuove assunzioni che sarà presentato a breve, l’aumento di nuovi dirigenti comunali perché ora “sono troppo pochi”, l’avvio del progetto “Insieme per il lavoro” e l’estensione delle clausole sociali e del protocollo per la legalità (già siglato per l’Interporto) all’aeroporto Marconi, alla Fiera e se possibile ad Hera. A delineare l’orizzonte dei prossimi provvedimenti del Comune di Bologna in materia di lavoro e diritti è stato ieri sera il sindaco Merola, ospite alla Festa dell’Unità di Bologna di un dibattito con Cgil, Cisl e Uil. Merola ha annunciato a breve la presentazione di un piano di “200 nuove assunzioni“, e non solo come successo in passato concentrate nel settore scuola. Ma non è tutto. Il sindaco ha promesso anche l’incremento dei dirigenti comunali, “perché ne abbiamo solo 48 su poco più di 4 mila dipendenti, per chi se ne intende siamo ad una soglia minima”.

 

      Duecento nuove assunzioni

 

Di fronte a un centinaio di persone Merola ha discusso di lavoro e innovazione con i segretari di Cgil, Cisl e Uil Maurizio Lunghi, Danilo Francesconi e Giuliano Zignani. Fra pochi giorni, ha spiegato il sindaco, partirà la prima analisi dei curriculum delle persone segnalate nell’ambito di  “Insieme per il lavoro“, il progetto presentato prima dell’estate e che, nelle intenzioni, metterà in rete realtà produttive del territorio, Curia, associazioni, sindacati e Comune per “raggiungere l’obiettivo di rendere autonome un numero sempre maggiore di persone oggi in condizione di fragilità sociale ed economica”. “Il sei settembre faremo una verifica dei curriculum delle persone, e pochi giorni dopo ci incontreremo con gli industriali perché devono fare la loro parte. Abbiamo bisogno di un elenco di imprese disponibili a partecipare al progetto e ad accogliere le persone che segnaleremo”.

 

      Insieme per il lavoro

 

Poi c’è la questione della legalità e delle clausole sociali, che garantiscono i lavoratori in caso di cambio di appalti. Sono accordi “esportabili”, spiega il sindaco. Clausole sociali e protocollo per la legalità dovranno essere applicati, dice Merola, anche all’aeroporto Marconi, alla Fiera di Bologna e ad Hera, “tenendo conto delle diversità” delle tre realtà. “Il quadro che dobbiamo creare è quello di lavoro nella legalità e di buon lavoro”.

 

      Clausole sociali e protocollo legalità

 

Infine c’è la questione della sviluppo del quartiere fieristico. Un’espansione che guarda a oriente. “Andremo in Cina e consolidare accordi per l’internazionalizzazione e ad aprire altre società di esposizione fieristica”.

 

 

 

 

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.