M5s. Bugani attacca un giornalista per aver dato una notizia

Bologna, 9 giu. – Non è la prima volta che il capogruppo del Movimento 5 Stelle Massimo Bugani attacca stampa e giornalisti a lui non graditi. Oggi durante il question time in Comune è toccato a Olivio Romanini del Corriere di Bologna, lunga esperienza nella cronaca locale ed ex presidente dell’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna. “Credo che ambisca ad essere un giornalista del Pd più che del Corriere”, ha detto Bugani. E ha aggiunto: “Se fossi il Pd farei un monumento equestre a Romanini, proprio con Romanini al posto del cavallo e Merola in spalla. amo a dei livelli imbarazzanti”. Poi, interloquendo col capogruppo Pd Claudio Mazzanti sempre in question time, il grillino ha aggiunto: “Lo so che tu lo baci, Mazzanti. E ci mancherebbe”.

La colpa di Romanini? Avere dato una notizia. Avere raccontato cioè che gli uffici comunali dell’assessore alla mobilità Irene Priolo starebbero lavorando su un’ipotesi di allargamento dei T-Days fino alla Cerchia del Mille. Una notizia che secondo Bugani porterebbe acqua al mulino del partito di Merola, e quindi – pare essere il ragionamento – Romanini sarebbe da considerarsi vicino al Pd, o per usare le parole di Bugani “cavallo di Merola”. “Alcuni giornalisti, tra cui sottolineo Olivio Romanini che credo che ambisca ad essere un giornalista del Pd più che del ‘Corriere’- attacca Bugani – racconta come questa proposta di allargare i T-days alla Cerchia dei Mille sarebbe una grande idea proprio nei giorni del G7”. Bugani si è poi detto contrario all’allargamento dei T-days. “I commercianti hanno avuto problemi coi Tdays- afferma Bugani- un allargamento di questo tipo stravolgerebbe la città. Quindi sarebbe più opportuno, prima di fare certe uscite sui giornali con il plauso del cavallo, fare anche un ragionamento con commercianti e cittadini”.

La reazione di Bugani alla presa di posizione dell’agenzia Dire in difesa di Romanini.

 

L’Ordine dei giornalisti dell’Emilia-Romagna esprime la propria solidarietà al cronista del Corriere di Bologna, Olivio Romanini. Il giornalisti ieri è stato “vittima di un attacco da parte del capogruppo al Comune di Bologna dell’M5s, Massimo Bugani, peraltro manifestato in una sede istituzionale”. Secondo l’Ordine dei giornalisti, “non si è trattato in questo caso di una legittima critica ma, al contrario, di una vera e propria offesa alla dignità personale e professionale del collega”. L’Ordine, si legge ancora in una nota, “sarà sempre al fianco dei giornalisti che esprimono, nello svolgimento della loro professione, l’esercizio della libertà di pensiero e di informazione“.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.