Le Longhena pronte a “chiudersi” alla città: 8 posti su 10 ai bimbi del quartiere

longhena-collina-612

La scuola primaria “Mario Longhena” immersa nel verde dei colli

Bologna, 17 nov. – Rivoluzione in vista per la scuola primaria Longhena, fiore all’occhiello dell’istruzione bolognese e istituto storicamente aperta a tutta la città. Per usare le parole dei genitori che hanno scelto via Casaglia per i loro bimbi, si tratta della “scuola più bella del mondo”, immersa nel verde dei colli e conosciuta per le sue lezioni all’aperto.

Una “scuola di città” che fino ad oggi ha tenuto le porte aperte a tutta Bologna, riservando la metà de posti ai residenti del quartiere Saragozza, e l’altra metà ai bimbi di tutta Bologna. Ora le cose potrebbero cambiare: l’idea maturata negli uffici dell’assessore Pillati è quella di modificare verso l’alto la percentuale dei posti riservata ai residenti nell’appena creato quartiere Porto-Saragozza. Per ora si tratta di un’idea sul tavolo di Pillati, ma l’operazione dovrebbe concretizzarsi a brevissimo. “Non esiste ancora nessun atto della Giunta e non sono state fissate le percentuali – ha dichiarato a Radio Città del Capo l’assessore Pillati – noi abbiamo solo fatto una fotografia della realtà. Nella scuola Longhena l’80% dei bambini viene dal quartiere Porto-Saragozza. Anche in passato, prima della fusione, la maggioranza delle domande fuori quartiere proveniva dal Porto, sarebbe assurdo oggi ignorare che quel territorio è parte integrante del nuovo quartiere”.

Già nel 2014, quando 15 bimbi del quartiere Saragozza rimasero fuori dalle Longhena, l’assessore Pillati si scagliò contro la ripartizione 50-50. “Il Consiglio d’Istituto – diceva due anni fa Pillati – ha stabilito di fissare autonomamente e rigidamente una percentuale massima riservata ai bambini residenti nel Quartiere Saragozza pari al 50%. Ho chiarito, in una nota successiva inviata alla stessa dirigente, che si tratta di una decisione grave, che invade le competenze dell’Amministrazione Comunale in materia di programmazione territoriale dell’ offerta formativa e che contraddice esplicitamente quanto contenuto nella Delibera di Giunta del 2009, che il Consiglio di Istituto stesso richiama nella sua deliberazione, in tal modo basandosi su presupposti errati”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.