L’iperrealismo di Rossella Milone in 6 racconti figli di Carver e Mansfield.

18

 

Si chiama Rossella Milone e pur avendo già pubblicato un romanzo importante ( Poche parole, moltissime cose, Einaudi, 2013)  è una fervente sostenitrice della Short Story, un culto che fa adepti per lo più in territori di matrice anglosassone (Carver, Mansfiled, Munro, Strout) di cui la Milone può essere considerata una degna discendente.

Il silenzio del lottatore (minimum fax, 2015) è un libro che raccoglie 6 storie di relazioni, 6 storie di lotta, dove una voce narrante senza nome (sono sei donne diverse o è la stessa che cresce e che ci racconta vari momenti della propria formazione?) inquadra le vicende con sguardo lucido e distaccato. Al centro ci sono sempre le relazioni, intese in senso lato, prese in un momento di svolta o di consapevolezza, quando ormai non è più possibile tornare indietro.

Ecco allora la consapevolezza che nasce nel mondo di una bambina (Operazione Avalanche), l’amicizia nell’adolescenza (Il peso del mondo), il dolore di una la separazione (Luccicanza), e il tentativo di rimettere le cose a posto (Il silenzio del lottatore).

Tracklist:

  • Mavis Staples, Hight Notes da Livin’ on a High Note, Anti-, 2006
  • Yuck, Hearts in Motion da Stranger Things, Mamé Records, 2016
  • Brian Wilsonn, My Sweet Lord da George Fest: A night to celebrate the music of George Harrison, Hot Records/Vagrant Records

 

SCARICA LCdC S04E18

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.