L’Indie Pride 2016 schiera Nada e Capovilla

indiepride01

19 ott. – Sono passati cinque anni, ma troppo poco è cambiato quando si parla di temi importanti come sostegno dei diritti LGBT, omofobia e lotta al bullismo omofobo. Era infatti il 2012 quando al Locomotiv Club si è tenuto il debutto di Indie Pride: la sua quinta edizione è in programma per sabato 22 ottobre al Tpo. “L’evento nasce come una scusa”, racconta ai microfoni di Un Weekend Postmoderno una delle organizzatrici dell’associazione Indipendenti contro l’Omofobia, Antonia Peressoni: “Quell’anno Bologna ha ospitato il Pride nazionale, in un periodo dove i casi di omofobia riempivano le pagine di cronaca nel totale silenzio da parte della legge. Dovevamo fare qualcosa e la musica si è dimostrato il mezzo più diretto“. A distanza di cinque anni purtroppo c’è ancora qualcosa da fare: “siamo partiti con l’idea di chiedere una legge contro l’omofobia, ma questa è ancora ferma in sede parlamentare” continua Antonia.

Sabato, a partire dalle 19.00, saliranno sul palco Giorginess, Erio, La rappresentante di Lista, Nada + A Toys Orchestra, mentre la chiusura della serata è a cura di un djset della Garrincha dischi. Inoltre sarà presente anche Pierpaolo Capovilla de Il teatro degli Orrori con un monologo teatrale scritto appositamente per l’evento. L’entrata costa 10 euro, ma per gli abbonati di RCdC ci sono grandi vantaggi: i primi dieci che si presenteranno con la tessera dell’abbonato avranno diritto a una consumazione omaggio.

Elena Usai e Luca Jacoboni

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.