Liliana non è morta subito, ha tentato di arrivare al telefono

Bologna, 19 apr. – Liliana Bartolini, la donna uccisa nella notte tra il 12 e il 13 aprile a Molinella nel bolognese, è stata ferita alla gola con un coltello dal marito, probabilmente aggredita alle spalle, ma il colpo non è stato letale. La donna, morta per dissanguamento, ha tentato infatti agonizzante di raggiungere il telefono. E’ quanto emerso dall’autopsia. Per Andrea Balboni, tassista di 52 anni, marito della donna indagato per omicidio volontario aggravato, la procura di Bologna sta valutando l’ipotesi di aver agito con particolare crudeltà; aggravante che potrebbe aggiungersi a quella già contestata del vincolo matrimoniale.

(ANSA)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.