Levare e Battere a DOM: il teatro residente del Pilastro

laminarie2

Bologna, 3 mar. – Nell’anno del 50° anniversario del rione Pilastro prende il via la sesta stagione del progetto di Laminarie  per il teatro DOM la cupola del Pilastro.

Laminarie, compagnia fondata nel 1994, produce spettacoli basati sulla ricerca di linguaggi originali all’interno del teatro contemporaneo, privilegiando i contenuti e valorizzando il lavoro di creazione dell’artista. Si relaziona con altre forme d’arte come l’architettura, la letteratura e il cinema. Si rivolge anche all’infanzia, nell’ambito di festival e rassegne di teatro per bambini.

Il programma di questa nuova stagione  si chiama Levare e Battere, rimanda quindi al ritmo e al lavoro, due strumenti primari per il teatro: “Levare come delimitare il campo d’azione per definire gli obiettivi e poi battere cioé insistere sugli obiettivi stessi allo scopo di mettere al centro e valorizzare il lavoro artistico”. Queste le parole di Bruna Gambarelli di Laminarie e  direttrice artistica del progetto.

Filo conduttore della rassegna sono gli esiti pubblici di tre residenze artistiche. Il primo vede coinvolta Elena Galeotti (della compagnia Cantharide) con due spettacoli: “Piangere è un artificio” (ispirato liberamente all’opera Erodiade e Salomè) in scena il 2 e il 3 marzo alle 21 e “A mio fratello il regno a me lasciate il canto“,  frutto del lavoro di formazione fatto da Galeotti con giovani attori e va in scena la sera del 5 marzo. Il 19 marzo Lara Russo porta in scena coreografie di danza contemporanea intrecciate all’architettura con il suo  “RA-ME cercare coraggio, proteggere innocenza, spettacolo che debutterà in giugno alla Biennale di Venezia. Il 28 e 29 aprile sarà la volta di Ramia Beladel, con il progetto Waiting for Godot while waiting for himself. Si tratta di un’indagine sul tema dei confini. Il linguaggio della giovane artista di Marrakesh è quello delle arti visive, dalla fotografia all’installazione.

Gli esiti delle tre residenze saranno accompagnati da incontri pubblici e momenti di riflessione con i cittadini, uno su tutti quello del 26 aprile con la lettura pubblica della costituzione da parte degli abitanti del Pilastro, ospitata al DOM per il settimo anno.
Tra gli eventi speciali un bel progetto di connessione e riavvicinamento tra centro e periferia: Il Pilastro fa centro. Flusso di conversazioni metropolitane realizzato dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti. Saranno costruite due postazioni, una al DOM e una all’Accademia di Belle Arti, che si trasmetteranno video in tempo reale.
Ascolta l’intervista realizzata da Piero Santi con Bruna Gambarelli.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.