Le buone idee emiliane volano in Cina

Bologna, 3 mar. – Si sono formati all’Università di Bologna, hanno fondato aziende high-tech poi “accelerate” in Silicon Valley e ora i soldi li vanno a prendere in Cina.

Sono i quattro imprenditori italiani, tutti emiliano romagnoli, selezionati per far parte di una delegazione internazionale che parteciperà dal 28 al 30 marzo ad un evento a Guangdong, in Cina, che ha l’obiettivo di far incontrare oltre 500 investitori cinesi con le migliori start up del mondo. L’anno scorso sono stati circa 150 i contratti di investimento firmati, per un valore complessivo superiore ai 6 miliardi di dollari.

“La Cina sta cambiando – ha detto Bruno Iafelice di Tvlp, l’istituto californiano che ha accelerato le quattro start up – da grande produttore a generatore di tecnologia e recentemente anche a grande investitore”.  Ma ascoltiamo le sue parole.

      Bruno iafelice tvlp institute

I quattro startupper presenteranno i propri progetti, tutti nei settori dell’intelligenza artificiale, della realtà aumentata, dell’agri-tech e della diagnosi veloce in sanità, e andranno a caccia di investitori cinesi interessati a farli crescere Tra loro c’è Enrico Di Oto, Ceo di OaCP e inventore un reagente chimico in grado di ridurre a due ore i tempi delle diagnosi genetiche oncologiche, a fronte delle tempistiche odierne che vanno in media tra i tre e i dieci giorni.  Sentiamo la sua voce.

      Enrico di oto ceo di oacp

Nel campo delle nuove tecnologie GlassUp ha lanciato invece il primo modello di occhiale intelligente a realtà aumentata che permette di vedere e leggere informazioni sulle lenti. Diversi gli ambiti di applicazione, anche nell’ambito della disabilità, in particolare uditiva, come ci spiega Francesco Giartosio, Ceo di GlassUp

      Francesco giartosio ceo di glassup

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.