L’Arpa chiede la sospensione delle attività alla Sintexcal

24 gen. – Fino a quando non verranno realizzati dei sistemi idonei di trattamento delle emissioni è bene che la Sintexcal sospenda le attività. Lo ha detto l’Arpa, rivolta a Provincia e Comune, durante l’intervento del 18 gennaio scorso durante la commissione Ambiente del Quartiere Navile. La Sintexcal produce bitume ed è attiva dagli anni Cinquanta al centro di Santa Viola, e negli ultimi anni sono aumentate le proteste dei cittadini per i cattivi odori provenienti dall’azienda. Arpa chiede “un adeguamento tecnologico dell’impianto che lo renda compatibile con il contesto urbano in cui si colloca, adottando le migliori tecniche disponibili del settore”.

Tra settembre e dicembre scorsi sono state circa 180 le segnalazioni dei cittadini che denunciavano “aria irrespirabile” e “puzza tremenda”. Il 28 settembre, a seguito delle molte chiamate da parte dei cittadini, anche la Polizia municipale ha verificato la presenza di cattivi odori nell’aria tra le vie Agucchi e Zanardi.

La Sintexcal aveva presentato, nel dicembre scorso, il progetto che prevedeva un “rinnovo impiantistico” per ridurre le emissioni che si sviluppano durante il carico del bitume sui camion. A sollecitare il rinnovo era stata la Provincia che, in vista della scadenza dell’autorizzazione alle emissioni, aveva imposto all’azienda degli ammodernamenti. Il progetto della Sintexcal, però secondo l’Arpa, “non prevede alcuna aspirazione e successivo trattamento delle emissioni che si sviluppano nelle operazioni di movimentazione, come invece richiesto dalla Provincia”. Da qui, la richiesta di sospendere le attività.

Secondo i controlli di Arpa, sarebbero risultate nei limiti le emissioni di Valli Zabban e Coop costruzioni. Problemi invece riguardano ancora la Sitfa: a breve è previsto un incontro in Procura.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.