Lamborghini. Per gli operai che si diplomano 700 euro l’anno, fino alla pensione

lamborghini sede grande

Bologna, 15 lug. – Premi ai dipendenti che completano gli studi e puntano sulla formazione continua. È Lamborghini a annunciare “un nuovo sistema di valorizzazione” dei titoli di studio acquisiti dai suoi dipendenti nel corso del loro percorso professionale. Il sistema messo a punto a Sant’Agata Bolognese prevede l’erogazione di un riconoscimento economico su 12 mensilità a partire da gennaio 2017 proprio a favore di coloro che conseguono diploma, laurea o completano un master, di primo o secondo livello, così come un dottorato di ricerca.

Per fare un esempio l’operai che conseguirà il diploma incasserà ogni anno, e fino alla pensione, 700 euro spalmati sui 12 mesi. Così il dipendente laureato che conseguirà un master. Per il secondo titolo invece si parla non più di 700 euro, ma di 900.

L’accordo, siglato oggi da azienda e sindacato, si applica ai titoli conseguiti dopo l’8 giugno 2015, la data di firma del contratto integrativo. Lamborghini definisce il tutto “un’importante novità” che si inserisce in un programma più ampio sui titoli di studio avviato in azienda, sempre d”intesa coi sindacati, così come previsto dall’integrativo del 2015. La Casa del toro ricorda che già l’anno scorso ha aumentato fino a 250 le ore dei permessi retribuiti, di cui i dipendenti possono usufruire per poter frequentare scuole medie superiori, Università o master nel corso del triennio. A queste si aggiungono ulteriori 100 ore, per la preparazione e redazione della tesi di laurea.

Un risultato rivendicato con orgoglio della Fiom. Michele Bulgarelli si è occupato dell’accordo con l’azienda.

“Per Lamborghini- commenta Umberto Tossini, direttore Risorse umane e organizzazione del gruppo- il miglioramento del sistema di welfare aziendale è  un obiettivo primario. I nostri successi passano attraverso il benessere e lo sviluppo delle competenze dei nostri dipendenti. Poter offrire loro strumenti che li sostengano nella loro crescita umana e professionale va a beneficio di tutti, nell’ottica comune di puntare all”eccellenza”. Anche Alberto Cocchi, delegato Fiom-Cgil, apprezza: “Riteniamo- dice- di aver raggiunto un ottimo risultato a favore dei dipendenti di Lamborghini a partire dal fatto che il riconoscimento non avviene sotto forma di una tantum, all’atto del diploma o della laurea, ma diventa una parte strutturale della retribuzione per tutta la vita lavorativa. Era un impegno che ci eravamo presi e l’abbiamo raggiunto”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.