L’allarme del Ramazzini: “Legame tra cancro e campi magnetici”

Cavi alta tensione - foto flickr Enrico Matteucci CC BY 2.0

Foto flickr Enrico Matteucci CC BY 2.0

Bologna, 10 mar. – Macchinisti di elettrotreni, taxisti con auto elettriche, ma anche e soprattutto tutti coloro che vivono, lavorano o vanno a scuola nelle vicinanze di cavi dell’alta tensione e di linee elettriche. Sono le categorie potenzialmente a rischio secondo i risultati di uno studio ultradecennale dell’Istituto Ramazzini di Bologna.

La ricerca sperimentale ha rilevato come il campo magnetico della corrente elettrica a 50hz possa promuovere l’insorgenza di tumori maligni. I risultati sono stati pubblicati on line in questi giorni dalla rivista International Journal of Radiation Biology. “Il campo magnetico attraversa alberi e muri, continuare a costruire elettrodotti senza tenere conto della possibile esposizione dei residenti è un comportamento non adeguato alle esigenze di protezione del cittadino”, spiega il responsabile della ricerca, il dottore Morando Soffritti.

Lo studio è stato condotto su 650 ratti esposti e 1001 ratti di controllo, e ha dimostrato come gli animali esposti a una singola dose di radiazioni ionizzanti gamma e a CM-50Hz per tutta la vita (dal periodo prenatale fino alla morte naturale) hanno sviluppato un significativo aumento dell’incidenza di tre tipi di tumore: cancro mammario, leucemia ed un raro tumore del cuore chiamato Schwannoma maligno. “L’eccesso significativo di un tumore così raro come il cancro mammario nei ratti maschi è molto importante – ha spiegato Soffritti – in quanto potrebbe contribuire a ritenere plausibile anche nell’uomo il legame tra cancro mammario ed esposizione a campi elettromagnetici in alcune categorie di lavoratori, cosa tutt’oggi non riconosciuta”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.