Làbas nella bufera per uno striscione anti polizia. Il Comune: “Messaggi che non devono passare”

Uno striscione di Làbas in vicolo Bolognetti

Bologna, 16 mar. – “L’esposizione di una bandiera con un chiaro messaggio di ostilità nei confronti della Polizia può essere annoverata fra le cause di decadenza per gravi motivi dall’assegnazione di immobili e spazi urbani?”. Lo chiede alla giunta regionale dell’Emilia-Romagna, prendendo spunto dalla vicenda dello striscione “con scritto ‘Still not loving Police‘ (‘Continuo a non amare la Polizia’) comparso nella nuova sede, in vicolo Bolognetti a Bologna, del collettivo Labas“, il consigliere di Forza Italia Galeazzo Bignami. Secondo l’esponente berlusconiano, infatti, l’esposizione della bandiera “puo’ essere interpretata, in senso lato, come un gesto di ostilita’ nei confronti dello Stato, da cui la Polizia dipende”. Bignami rincara poi la dose scrivendo, fra le premesse dell’interrogazione, che “e’ doveroso interrogarsi sulla persistenza di questi intollerabili comportamenti, che esulano dagli obiettivi del patto di collaborazione con il Comune di Bologna”. Per questo l’azzurro, oltre a domandare all’esecutivo regionale se lo striscione sia stato o meno rimosso, chiede anche “su quali presupposti si basi il patto firmato tra Labas e Comune”.

Il Pd invece se la prende con un secondo striscione, sempre appeso in vicolo Bolognetti, che recita: “Con ogni mezzo necessario, contro il fascimo“. E’ il dem Raffaele Persiano, oggi in Consiglio comunale, a chiedere “che venga rimosso o che almeno venga modificato, scrivendo: ‘Con ogni mezzo democratico’. Le idee sbagliate vanno combattute in maniera democratica”. Persiano sottolinea oltretutto che quello di striscione campeggia “di fianco a una scuola. Il messaggio che viene dato a quei ragazzi deve essere di combattere il fascismo in un’arena democratica. Io voglio battere la destra col confronto, non con la violenza”. L’assessore alla Sicurezza di Palazzo D’Accursio, Alberto Aitini, raccoglie la segnalazione. “Non ne ero a conoscenza e la ringrazio di avermelo detto- replica in aula- sicuramente approfondiro’ la questione, perche’ concordo con lei che siano messaggi che non devono passare” (agenzia Dire).

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.