La teoria del gender che non c’è. Le invenzioni pericolose

giancarla codrignani - foto istituto cerviBologna, 4 nov. – “L’invenzione cattolica di una teoria del gender che non c’è. Ma c’è il gender, che non è una teoria”. Parte con questa raccolta documentale, curata da Giancarla Codrignani, la nuova collana di saggi brevi della casa editrice digitale ebook@women delle donne dell’Associazione Orlando.

“E’ necessario fare chiarezza e diffondere consapevolezza su questa invenzione dell’ala cattolica più reazionaria e oltranzista che diffonde pregiudizi e stereotipi”, ha spiegato Giancarla Codrignani, intellettuale, femminista e cattolica, presentando il suo lavoro. L’attacco alla cosiddetta teoria del gender è partita alla fine del secolo scorso dai Lefevriani, in Francia, per poi diffondersi ovunque. In Italia a parlarne è il Movimento per la Vita e decine di altre associazioni, a sostenerle politici ben conosciuti: da Giovanardi a Sacconi a Gasparri. Attraverso i social, si fa pressione su Governo e enti locali e si diffondono tesi che sostengono per esempio che la teoria gender nega la differenza tra uomo e donna, che destruttura maternità e paternità.

“E’ un problema culturale – ha affermato preoccupata Codrignani – genera posizioni pericolose”. Per questo “occorre consapevolezza diffusa e un movimento di contrasto dal basso a queste invenzioni”. I cattolici che non ci stanno stanno prendendo posizione? Lo abbiamo chiesto a Giancarla Codrignani

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.