La strage del 2 agosto attraverso gli occhi di Angela

AngelaFresuImageServer.ashx

Bologna, 31 lug. – In occasione del XXXV anniversario della strage alla stazione di Bologna, il quotidiano La Repubblica e la casa di produzione cinematografica Movie Movie hanno realizzato un film dal titolo La linea gialla, da un’idea di Aldo Balzanelli, soggetto e sceneggiatura di Emilio Marrese. L’originale scelta drammaturgica è stata di raccontare l’orrenda strage per mezzo di una vita che avrebbe potuto esserci, se non fosse stata spazzata via alle ore 10.25 di quel 2 agosto 1980. E’ quella della vittima più piccola, Angela Fresu, una bambina di appena 3 anni, della quale è rimasta solo una sbiadita fotografia in bianco e nero.

Il cofanetto contenente il dvd del film+libro si può acquistare nelle edicole dal 27 luglio con La Repubblica. La prima proiezione pubblica sarà in Piazza Maggiore domenica 2 agosto alle ore 22.00.

Movie Movie è una piccola, indipendente casa di produzione cinematografica bolognese che da più di trent’anni produce documentari d’autore. Questo è il loro primo film di finzione. I proprietari e registi (lavorano sempre in coppia) sono Francesco Conversano e Nene Grignaffini che sono stati particolarmente convinti ed emozionati nel realizzare l’opera perché, oltre alle profonde motivazioni etiche, ne avevano una personale. Fra gli 85 morti, infatti, ci fu anche un loro caro amico: Sergio Secci. Da ricordare che il padre, Torquato Secci, è stato uno dei principali promotori e fondatori dell’Associazione tra i familiari delle vittime della strage e suo presidente fino alla sua scomparsa.

Ascolta l’intervista che abbiamo realizzato con Francesco Conversano a proposito de La linea gialla.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.