La resilienza che cambia il mondo. Alle Serre dei Giardini Margherita dal 7 al 9 settembre

Bologna, 6 sett. – Torna per il secondo anno consecutivo alle Serre dei Giardini Margherita, Resilienze Festival, tre giorni dedicati a tematiche ambientali attraverso i linguaggi dell’arte e del giornalismo.

Dal 7 al 9 di settembre si alterneranno dibattiti, proiezioni, spettacoli e musica, con protagonisti provenienti dal mondo della cultura, dell’economia e dalla società civile,  uniti dal minimo comune denominatore di offrire uno sguardo resiliente, capace cioè di reagire positivamente ai grandi cambiamenti della contemporaneità.

“La sfida era quella di provare a trattare le grandi trasformazioni ambientali senza il solito approccio emergienziale”, ha raccontato Jonathan Ferramola ai microfoni di Piper Summer “ma cercando di mantenere un focus costante e con un po’ di creatività”.

Il programma è organizzato in quattro sezioni: Sguardi, il cinema degli under 35, tutte le sere presso la serra sonora; Narrazioni, dove verrano messi in relazione istituti di ricerca, associazioni e viaggiatori “come Fabiano Ventura, un fotografo che ha documentato lo scioglimento dei ghiacciati”; Percezioni, “la sezione dedicata al mondo delle arti, con Francesca Pasquali “un’artista che lavora con materiali di recupero e che ha ideato una performance site specific proprio per le Serre che rimarà fino al 13”, Lorenzo Balbi, direttore artistico del Mambo e Stefano Liberti che porterà lo spettacolo tratto dal suo libro I signori del cibo. Infine la sezione Sperimentazioni, che “ha lo scopo di capire che cosa ognuno di noi può fare per generare cambiamento”.

“Con la comunità di Resilienze stiamo provando a creare e a offrire (gratuitamente) degli ingredienti di buona qualità, poi però sta al pubblico creare una buona cena”.

 

ASCOLTA L’INTERVISTA COMPLETA A JONATHAN FERRAMOLA

PROGRAMMA COMPLETO QUI

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.