La rappresentazione della bontà è una menzogna. Antonio Rezza a Piper

Rezza-POST

 Tornano nelle sale  Antonio Rezza e Flavia Mastrella, fuoriclasse del teatro italiano questa volta alle prese con un documentario che porta lo spettatore in via Padova, a Milano, strada di cui spesso si parla per la difficile convivenza tra i residenti provenienti da varie parti del mondo.

“Via Padova è una via dove l’intolleranza è meno forte di quello che sembra. L’intolleranza è un sistema di pensiero foraggiato dalle istituzioni.” racconta Antonio Rezza ai microfoni di Piper, ” perché alle istituzioni fa comodo che ci sia sfiducia tra le persone”.

Lo stile è quello a cui Rezza ci ha abituato negli anni, grazie anche a programmi televisivi come Tropolitani, andato in onda tra il ’99 e il 2000: “rifiuto dello strumento erettile del microfono classico” in favore di un flusso di pensieri tra intervistato e intervistatore con la conseguenza di molti momenti altamente surreali e grotteschi.

“In fase di montaggio”, continua Rezza, “abbiamo chiaramente privilegiato le reazioni più cattive perché la cattiveria crea ritmo mentre la bontà non serve a niente; nell’arte la rappresentazione della bontà è una grande menzogna.”

Questo non è un film sociale dunque, né tanto meno offre delle risposte: “Noi non risolviamo quesiti, non creiamo problemi”.

In conclusione anche una battuta sui talent show: “Entrare nei talent e sparare. La protesta va consumata lì, nei luoghi sbagliati dell’estetica. Tutti lo sanno, ma non c’è un intellettuale che lo dica. Rifiutare i soldi che arrivano dalla parte sbagliate è un investimento economico perché mitizzi la tua immagine. Si può resistere ai soldi.”

Milano. Via Padova verrà proiettato lunedì 30 gennaio al Cinema Europa, grazie al Kinodromo.

Qui sotto l’intervista completa.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.