La Parola gentile. Un nuovo ciclo di puntate per omaggiare la Scuola

La parola gentile prosegue la sua cavalcata dedicata alla scuola. Non si placa il nostro fuoco. Desideriamo ancora evocare la scuola e lo vogliamo fare in radio lì dove l’ascolto si avvera, come in classe tra scolarca e scolari.

Sei nuove puntate, da me ideate e molto desiderate, e realizzate grazie alla pazienza, alla generosità e allo zampino di Serena Mancini, cercano di omaggiare la grandezza rituale della scuola, rilanciandone l’essenza più profonda.

parola_gentile2

Non potevamo non incontrare una grande maestra del teatro come Chiara Guidi.
Nella primavera 2015 io e Serena siamo andate a trovarla a Cesena nel suo Teatro Comandini dove conduce con potenza maieutica e vibrante un gruppo di insegnanti che attorno a lei si sono riunite per un percorso di pensiero e autoformazione. Chiara apre il sipario sulle successive puntate, nel suo intervento vivono come costellazioni, tutti i temi trattati nelle strisce seguenti.

Da Cesena ci siamo spostate a Torino dove Andrea Bajani, scrittore classe 75, ci ha raccontato come da tempo entra nelle scuole superiori della città, lavorando insieme ai giovani, per cercare nuove parole per l’Italia di oggi.

Sempre sulle parole abbiamo ragionato con Nicoletta Gramantieri che per la biblioteca Sala Borsa crea dei percorsi dedicati alla poesia per i bambini delle elementari, cercando nell’ascolto ritmico e nella possibilità del non-fare, una possibile chiave d’accesso al linguaggio poetico.

Abbiamo poi cercato di individuare insieme a Clementina Tedeschi, insegnante alla primaria e maestra di yoga, quale corpo si convoca quando si è a scuola: pare sia assente, come riscoprirlo vivo senza addomesticarlo?

La parola gentile, nel volgere verso la sua conclusione, dedica due puntate al tema scottante della partecipazione genitoriale nella scuola.
Abbiamo intervistato la prof. Alessandra Gigli che insegna Pedagogia delle famiglie all’università di Bologna e due genitori, Maria Francesca Fochi e Luca Luiu. Entrambi i posizionamenti giungono, per strade diverse, a conclusioni simili donando agli ascoltatori occasioni di pensiero.

Queste puntate sono dedicate a te, ascoltatore, che sei, come noi, nel cammino per la scuola e che una volta raggiunto un punto, sei pronto a ripartire. Perché ci infiammiamo pensando che, per citare Emilio Sereni, L’utopia di oggi sarà la politica di domani.

L’ illustrazione è di Marco Smacchia: te ne sono grata davvero.

Agnese Doria

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.