La Malora: un libro e un disco per i Marnero e John D. Raudo

malora

21 gen. – La Malora è un libro di John D. Raudo, ma è anche il terzo disco dei Marnero, che viene presentato questa sera dal vivo al FreakOut Club. Nell’album c’è quel metal apocalittico e disperato tipico del gruppo, vicino al doom e alle sperimentazioni di SUNNO))) e Steve Von Till. “E ci sono anche i due marò“, ci ha detto il musicista, cominciando un’intervista divertente e surreale realizzata in diretta nella puntata di Maps dell’altroieri. “Sono stato sempre prolisso quando scrivo i testi: di questi tempi vanno le canzoni-haiku, per colpa di Alessandro Baronciani, testi brevi, oserei dire polaroid. Lo chiamerei neo-naif. Insomma, ero all’opera sui testi del nuovo disco dei Marnero e mi sono reso conto che stavo esagerando: ho inventato otto personaggi, ho scritto su ognuno di loro e sono venute fuori 170 pagine”, ha detto John, aggiungendo che quel quantitativo di testo era difficile da mettere in metrica. “Ma soprattutto ho consultato le tipografie e un booklet così mi sarebbe costato tantissimo. All’inizio la mia intenzione era di estrarre da questo testo le cose migliori per il disco, ma non bastava e quindi…”.

Il romanzo, edito da Bebert, racconta – come l’album – le vicissitudini di otto personaggi, sballottati dalla vita e da sventure diverse fino a riunirsi – soli e sopravvissuti –  in un luogo unico, una taverna: un impianto che lo stesso autore non esita a definire teatrale, ma “metterlo in scena toglierebbe il dubbio se questi personaggi esistono davvero, se siano delle proiezioni di altri, se siano la stessa persona, se siano davvero otto: in questa taverna c’è un enorme specchio frantumato che riflette le loro immagini, ma la loro identità non è definita dal loro ruolo. Con il passare della storia i ruoli si confondono come le loro identità“, ha aggiunto il nostro ospite.

L’altro protagonista de La Malora, ma in genere nelle canzoni della band, è il mare, a partire dal nome del gruppo; Raudo spiega così questa presenza: “Rispetto a quello che facevo con i Laghetto la musica dei Marnero è più lenta, pesante, ha un moto quasi ondoso e i testi che l’accompagnano parlano quasi tutti di disastri meteorologici e usano le metafore marine. Nel nostro primo disco, Naufragio Universale, si parla di tempesta, in Il sopravvissuto la vastità del mare è il percorso della vita, orizzontale, a differenza dell’esordio in cui c’è una verticalità. In La Malora si passa attraverso le cose, ciò che accadrà ai personaggi alla fine del libro”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.