KmZero tra Expo, mezzi a motore sui sentieri e #ilovepomario

Pomario_MuseoCiviltaContadina

Bologna, 28 apr. – Venerdì prossimo a Milano aprirà i battenti l’Esposizione Universale, comunemente conosciuta come Expo Milano 2015. Nei prossimi sei mesi, nel capoluogo lombardo, sono attesi milioni di turisti. Già 10 milioni i biglietti staccati per l’evento, ha raccontato su twitter il presidente del consiglio Matteo Renzi. Di Expo si parla ovunque, e sempre di più e in tutti i modi. Noi, durante KmZero, abbiamo provato a ragionare intorno al tema centrale di Expo: l’alimentazione e l’agricoltura. “Nutrire il pianeta, energia per la vita” è lo slogan della mega fiera che tra padiglioni e spazi espositivi attende oltre 20 milioni di turisti. “Una grande opportunità” secondo alcuni; un mega evento vuoto e ipocrita per altri. Noi abbiamo messo a confronto Gaetano Pascale, presidente di Slow Food Italia, associazione che ha deciso di prendere parte, in modo critico, al percorso di Expo, con Stefano Miniato della rete di mense popolari Eat The Rich, una delle realtà che fa parte del movimento No Expo.

Nella seconda parte di KmZero siamo tornati ad occuparci della petizione contro i mezzi a motore sui sentieri della regione Emilia Romagna. La petizione, lanciata dal Cai insieme a Trekking Italia, Fondo per l’Ambiente Italiano, Wwf, Legambiente e altre associazioni, chiede di modificare la legge regionale 14 del 2013 che consente ai mezzi a motore di percorrere i sentieri. Ne abbiamo parlato con l’avvocato Martino Filippi, tesserato Cai e Trekking Italia.

Nell’ultima parte di KmZero ci siamo spostati a San Marino di Bentivoglio a villa Smeraldi dove si trova il Museo della Civiltà Contadina. Da qualche anno, il museo che raccoglie le testimonianze del duro lavoro di contadini, mezzadri e braccianti delle campagne bolognesi ospita anche un pomario, un frutteto con circa 150 varietà differenti di alberi da frutto storicamente coltivati in quelle zone. Il pomario è stato piantato nel 2012 e ora il Museo ha lanciato un crowd funding per raccogliere i 5000 euro necessari annualmente per il suo mantenimento. Ne abbiamo parlato con Dede Auregli, direttore del Museo, che ci ha anche raccontato che 114 oggetti della collezione di villa Smeraldi hanno preso la via di Expo: lì saranno esposti durante i 6 mesi dell’esposizione.

      KM0

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.