Intervista a Scott Kannberg: “Reunion dei Pavement in arrivo nel 2019”

27 sett. – “È la prima volta in città con Spiral Stairs, ma mi sembra di ricordare che con i Pavement abbiamo suonato in passato a Bologna”. Ed effettivamente non ricorda male Scott Kannberg, 51 anni da poco compiuti, indiscussa leggenda dell’indie rock statunitense: era il maggio del 2010 quando, in occasione della prima reunion dei Pavement, la band di Stockton suonò davanti ad un Estragon decisamente commosso. Reunion che, fra l’altro, potrebbe materializzarsi nuovamente molto presto: “Non c’è ancora niente di concreto, ma si è parlato con gli altri di fare un tour per il trentesimo anniversario della band, nel 2019”, si lascia scappare Scott, “rimanete sintonizzati!”.

Scott ieri sera era al Freakout con il suo progetto solista di una vita intera Spiral Stairs (il nickname che utilizza fin da adolescente, quando decise di fondare i Pavement insieme al suo amico di infanzia Stephen Malkmus), in tour per presentare Doris & The Daggers, l’album pubblicato qualche mese fa su Domino a ben otto anni di distanza dal precedente The Real Feel. “Ovviamente non avevo pianificato di aspettare tutto questo tempo tra un disco e l’altro”, spiega Scott. “Non è che non fossi ispirato, ma la vita mi ha tenuto occupato nel frattempo: dopo la reunion dei Pavement mi sono trasferito in Australia, mi sono sposato, ho avuto una figlia, mi sono ritrasferito a Los Angeles”.


Ora Scott vive con la sua famiglia nella penisola dello Yucatan, in Messico, dove ha lavorato a Doris & The Daggers, un disco che – a differenza dei primi album dei Pavement, registrati in pochi giorni – ha avuto una lavorazione molto lenta: “All’inizio abbiamo provato a registrare il disco alla vecchia maniera, cercando di fare il tutto più in fretta possibile. Purtroppo, però, il nostro batterista Darius Minwalla è morto improvvisamente: abbiamo dovuto ripensare a tutto, e ciò ha influenzato anche il mio songwriting. Ho scritto canzoni diverse, che hanno reso il disco ciò che è. Mi sono preso molto tempo per farlo per bene”, racconta Scott.

Nel disco ci sono un sacco di ospiti: Matt Berninger dei National, Kevin Drew dei Broken Social Scene, Kelley Stoltz: “Ho avuto molto aiuto da un sacco di amici e belle persone per questo disco. Penso però che il mio prossimo disco sarà fatto molto più in fretta”, conclude sorridendo.

Ascolta qui il resto dell’intervista a Scott Kannberg.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.