Insulti e troppa burocrazia: marocchini protestano contro il Consolato

marocco-presidio-consolato

Bologna, 13 apr. – Troppa burocrazia, lunghi tempi di attesa e poco rispetto per i cittadini che lì vanno a chiedere i documenti. Questa la “malagestione” del Consolato Generale del Marocco a Bologna,secondo i manifestanti che hanno partecipato questa mattina al presidio in zona Roveri. Associazioni marocchine dell’Emilia Romagna e della Lombardia lamentano da tempo i  tempi di attesa per il rilascio e il rinnovo del passaporto, per l’autenticazione della patente di guida e anche per il rimpatrio delle salme in Marocco; inoltre, i ritardi nelle comunicazioni giuridiche e amministrative e l’indisponibilità al confronto e al dialogo con le associazioni marocchine.

“Questo Consolato complica la vita ai cittadini marocchini”, ha detto Adil Lasry, presidente dell’Associazione Lavoratori Marocchini in Italia, che contesta anche la richiesta dal certificato di residenza, in aggiunta alla carta d’identità marocchina e il permesso di soggiorno, per l’emanazione del passaporto. Una protesta analoga si era svolta davanti al Consolato Generale del Regno del Marocco a Bologna anche lo scorso giugno. Le stesse associazioni non escludono nuove iniziative nei prossimi mesi.


Il Console a Bologna Idris Rochdi si riserva di rispondere domani alle domande sollevate in merito al presidio.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.