In centinaia si stringono al nido Gaia

Bologna 6 nov.- “La questione di fondo è che ci sono adolescenti con famiglie che evidentemente hanno dei problemi da affrontare”. Il sindaco Virginio Merola ha partecipato all’iniziativa in difesa del nido Gaia, il nido in convenzione col comune di Bologna gestito dal consorzio Karabak Cinque, che è stato oggetto di un incendio doloso nella serata di martedì scorso. Con le sue parole il sindaco ha dato sostanza alle indagini della polizia che si stanno indirizzando verso un gruppo di adolescenti che frequentano il parco Felice Battaglia, dove si trova il nido. Un gruppo che avrebbe già compiuto atti vandalici di cui, l’incendio al nido, avrebbe rappresentato l’ultimo atto ma il più inqualificabile.

      merola gaia lungo

Le indagini faranno il loro corso, sono stati anche acquisiti i video delle telecamere presenti in zona alla ricerca di elementi importanti.

La realtà però racconta che il nido ha riaperto a tempo di record già oggi grazie all’impegno del personale educativo e dei collaboratori. L’area andata a fuoco rimarrà chiusa fino a ristrutturazione avvenuta.

gaia festa 5

All’iniziativa organizzata sotto l’hastag #iosonoilgaia hanno partecipato alcune centinaia di persone.

Per la cooperativa Cadiai, capofila del consorzio gestore, è stata una boccata d’ossigeno: “Siamo profondamente commossi per l’incredibile solidarietà dimostrata da migliaia di persone che, non solo da Bologna, hanno inviato messaggi d’incoraggiamento e di vicinanza. Una simile mobilitazione ha dato un’enorme forza e ha aiutato ad affrontare l’emergenza”.

gaia festa 2

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.