Il ritorno del professor Boschi

Il ritorno del professor Boschi.
Non è il sequel di un film horror, ma la cronaca delle dichiarazioni che presidente dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) periodicamente rilascia sotto le due torri.
Anzi: sulle due torri. Sì perché , a quanto pare, il professore non si rassegna al fatto che ogni volta che torna in città le torri siano ancora in piedi e, soprattutto, liquida con un certo sussiego ogni studio e monitoraggio che ne assicura la stabilità.

Oggi il professore è tornato a parlare e ovviamente, a guadagnarsi le pagine dei giornali. Si sa infatti che il genere catastrofistico va sempre forte. A supportare le sue teorie il Boschi ha presentato un suo studio effettuato con strumenti sofisticati. Leggiamo dalle agenzie: “Nell’ottobre scorso, con l’aiuto della studiosa Arianna Pesci, Boschi ha effettuato un rilievo sui quattro lati delle torri con uno strumento chiamato laser scanner. Ricostruendo e analizzando al computer la superficie dell’Asinelli e della Garisenda, sono emerse deformazioni e alterazioni nella struttura in mattoni delle torri. “Abbiamo rilevato come una sorta di torsione che le torri faticano a sopportare”, spiega Pesci, mostrando al computer i grafici dello studio, questa mattina nel corso di una conferenza stampa nella sede del Pdl”.

Due parole ci colpiscono “Laser Scanner” e “Pdl”. La prima ci affascina, la seconda ci fa un po’ storcere anche a noi, come le torri. perché l’esimio scienziato non lancia l’allarme dall’università o dal suo istituto ma dalla sede di un partito? E’ un mistero. Non è un mistero invece che al Pdl cerchino un candidato come gli alchimisti la pietra filosofale. Magari, (vuoi vedere?) tra una caduta di torri e l’altra nasce un’amicizia

Veniamo dunque alla seconda parola: Pdl. Il professor Enzo Boschi infatti ama declamare le sue previsioni non a fianco di colleghi scienziati, o eminenti studiosi, ma accanto a Fabio Garagnani. De gustibus..

E’ auspicabile tuttavia, per il professor Boschi, che il suo laser scanner durante le conferenze stampa bolognesi sia rigorosamente spento. Altrimenti evidenzierebbe, senza ombra di dubbio, come il Boschi penda irrimediabilmente a destra, presentando forti incrinature sulla imparzialità del dato.

Paolo Soglia

Tag

Lascia un commento

Allowed HTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Get the Flash Plugin to listen to music.