Il poliziotto leghista Tonelli: migranti come autovelox, “se ne metti troppi poi li sradicano”

6 feb. – “A Imola sono stati sradicati due autovelox, ma se noi mettiamo un autovelox in ogni angolo per semplicemente riempire le casse, allora poi qualcuno può partire per la tangente”. Usa quella che chiama “un’analogia assolutamente non forzata” Gianni Tonelli, poliziotto e segretario generale del sindacato Sap ora candidato in Parlamento con la Lega di Matteo Salvini, per commentare l’attentato terroristico fascista di Macerata.

Luca Trani ha sparato alle persone di colore in strada? In qualche modo, ragiona Tonelli, si tratta di un fatto accostabile ai raid anti-autovelox di Imola, dove qualcuno – esasperato dalle colonnine – non ha trovato niente di meglio da fare che far saltare per aria con dell’esplosivo i tanto fastidiosi dispositivi di controllo della velocità. Ad unire i due fatti, secondo Tonelli, è l’insofferenza.

“Come nascono questi tipi di insofferenze?”,  si chiede Tonelli a chi chiede un commento sull’attacco fascista di Macerata. Questa la risposta: “E’ chiaro che questi segnali di insofferenza inaccettabili e intollerabili nascono da un contesto: se l’autovelox lo mettiamo ovunque poi gli anelli più deboli della società prendono per la tangente e si abbandonano a comportamenti che non hanno titolo e dignità di essere. Però bisogna andare alla radice dei problemi se li vogliamo risolvere“.

 

      Gianni Tonelli su Macerata

 

Già in passato il sindacalista-poliziotto Gianni Tonelli era finito più volte sotto i riflettori per avere difeso gli agenti condannati per la morte di Federico Aldrovandi, e per il presidio organizzato dal suo sindacato sotto l’ufficio della madre di Federico, Patrizia Moretti. Oggi, numero uno del Sap (sindacato autonomo di polizia), Tonelli si candida con la Lega Nord di Matteo Salvini. Non una sorpresa visti gli ottimi rapporti tra i due. Tonelli non si è ancora dimesso dalla Polizia, anzi negli ultimi giorni mischia campagna elettorale e conferenze stampa come capo del suo sindacato per “tutelare i colleghi” poliziotti. Tutto in regola? “Mi dimetterò quando sarò eletto”, dice Tonelli.

      Gianni Tonelli sulla candidatura

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.