Il Bologna si complica la vita, ci pensa Destro

Ripetersi, si sa, è sempre difficile.
E dopo due vittorie il Bologna paga dazio, vedendo pure i fantasmi in una partita che si fa molto difficile dopo il gol del Cagliari sul finire del primo tempo.
Prima la gara era stata in equilibrio, con i rossoblù di casa un po’ troppo guardinghi e attendisti e i sardi pronti a rubar palla e ripartire in velocità sfruttando l’estro di Joao Pedro.
Si vive di spunti, il Cagliari però è subito molto pericoloso:  cross dalla sinistra sul primo palo dove arrivano assieme De Maio e Mirante per anticipare Joao Pedro, il brasiliano riesce a toccare ma mette la palla fuori di pochissimo.
Il Bologna risponde con uno spunto di Palacio che serve la palla del gol a Verdi, purtroppo scattato in leggero fuorigioco. Al 25° l’episodio che accende le polemiche contro l’arbitro La Penna: Pisacane su colpo di testa ravvicinato di Palacio sfiora col viso poi con la mano devìa la palla che sarebbe finita in rete. Per La Penna non c’è nulla, e il Var dà il via libera ravvisando che il primo tocco del difensore fosse di faccia; ma restano tanti dubbi su un fallo di mano apparso volontario che alla fin fine risulta determinante per scongiurare il vantaggio del Bologna.
La fortuna non gira per gli uomini di Donadoni, ma nulla fa credere che il tempo finisca in passivo. Invece su un mancato disimpegno abbastanza facile, prima De Maio e poi Maietta non riescono a spazzare e sul rimpallo si avventa Joao Pedro che entra in area, evita il salvataggio in tuffo alla disperata di M’Baye, e incrocia sul secondo palo infilzando Mirante.

Partita che si complica maledettamente. Nella ripresa Donadoni suona la carica ma è il Cagliari ad avere la palla del raddoppio al 50° con Ionita che da ottima posizione spara a colpo sicuro, fortunatamente Mirante sfiora e tiene a galla il Bologna. Da lì in poi è un monologo dei rossoblù di casa: Rafael salva il Cagliari su punizione di Pulgar, a seguire il Bologna costruisce la palla gol più nitida: Palacio, molto ispirato come uomo assist, si libera sulla sinistra e crossa sul secondo palo scavalcando difesa e portiere dove arriva Poli in corsa che si trova la porta sguarnita, ma il suo tiro per sfortuna del Bologna è alto e si spegne sul fondo.
Donadoni comincia a vedere i fantasmi, perchè queste partite quando si mettono male diventa complicato rimetterle in piedi. E il tempo passa. Entra Okwonkwo per Poli infortunato, ma il Cagliari riesce sempre a contenere  gli attacchi del Bologna. Quando ormai mancano solo 9 minuti al fatidico 90° e le speranze cominciano a spegnersi, ecco il colpo del centravanti: cross di Masina sempre dalla sinistra pennellato per la testa di Destro che stavolta salta bene anticipando l’avversario e sfruttando l’avventurosa uscita di Rafael la mette dentro pareggiando i conti.

Lopez si copre, il Bologna a questo punto invece prova a vincerla, e potrebbe pure riuscirci con Donsah che si libera in area ma tenta il colpo da favola di controbalzo mandando alle stelle.
Finisce così, con dure contestazioni all’arbitro La Penna che – rigore non visto a parte – ha condotto male la gara, sbagliando molte decisioni, e soprattutto gestendo in modo iniquo i cartellini: ha ammonito in modo fiscale i rossoblù (sei gialli) sorvolando spesso sul gioco duro degli uomini di Lopez e salvando  il cagliaritano Barella, che già ammonito per ben due volte  – su falli netti – è stato graziato dal secondo giallo.

Per il Bologna non arriva la terza vittoria consecutiva, ma il pareggio non va buttato via: spesso queste partite si perdono. I rossoblù invece la rimettono in piedi, allungano la striscia positiva e mantengono il settimo posto in classifica in vista del match a San Siro col Milan che è appaiato a 21 punti.
Volenti o nolenti in questo momento il Bologna si sta giocando un posto in Europa con Milan, Fiorentina, Atalanta, Torino e Chievo. E non è poco…

Bologna-Cagliari 1-1
Bologna (4-3-3): Mirante; Mbaye, De Maio, Maietta, Masina; Poli (32°st Okwonkwo), Pulgar, Donsah; Verdi, Destro (46°st Petkovic), Palacio. Allenatore: Donadoni
Cagliari (3-5-1-1): Rafael; Romagna, Ceppitelli, Pisacane (39°st Capuano); Faragò, Ionita, Cigarini, Barella (47°st Deiola), Padoin; Joao Pedro (27°st Dessena); Pavoletti. Allenatore: Lopez
Arbitro: La Penna di Roma
Tabellino dei gol: 42°pt Joao Pedro, 36°st Destro

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.