I risultati negli altri Comuni in provincia di Bologna

Bologna, 6 giu. – Nel nuovo Comune Alto Reno-Terme, che riunisce Granaglione e Porretta Terme, ha vinto Giuseppe Nanni (lista civica Progetto Altoreno) col 49,45%, staccando Tiberio Rabboni, fermo al 33,65% (lista civica Una nuova idea). E’ andato a votare il 74% degli elettori.

Va all’attacco l’ex Pd Rabboni, già assessore nella giunta regionale di Vasco Errani, che non ha intenzione di farsi da parte: “È prevalsa la paura del nuovo e in un certo elettorato hanno fatto breccia le calunnie e le falsità diffuse ad arte da noti provocatori e da galoppini della peggior specie. Vedremo ora se i vincitori sapranno far vincere le aspettative della comunità, cioè se sapranno combinare qualcosa di buono e di utile. Ho molti dubbi in proposito”, ha scritto su facebook. Infatti, afferma Rabboni, “sono gli stessi che hanno provocato un buco di 860.000 euro al Comune di Porretta nel 2015 e che per anni hanno assistito inerti al progredire delle crisi del turismo, del termalismo, del commercio, dei servizi e delle storiche industrie. Perché dovrebbero fare oggi quello che non hanno saputo fare ieri?”.

A Castel del Rio, dove ha votato il 70%, Alberto Baldazzi (lista civica Per Castel del Rio) diventa sindaco col 66,16% delle preferenze, mentre Barbara Maraia (lista civica Progetto Castel del Rio) ne ha avute il 33,83%.

Molto bassa l’affluenza a Gaggio Montano, bloccata al 54,49, dove l’unica candidata era Maria Elisabetta Tanari sostenuta dalla lista civica Sempre per Gaggio.

A Monghidoro ha votato il 63,23%. Qui ha vinto Barbara Panzacchi (lista civica Passione in comune) col 61,32%, mentre Antonio Cornelio (lista civica Democratici Monghidoro) ha preso il 38,63%.

Andrà al ballottaggio S. Giovanni in Persiceto. Qui Tommaso Cotti (45,98%), sostenuto da Pd, Sinistra ambiente per Persiceto e Centro civico, si confronterà con Lorenzo Pellegatti (33,46%), sostenuto da Impegno comune e Uniti per S. Giovanni.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.