Bologna: grazie a un gol di Sansone e a Santa Traversa è SERIE A!

Il Bologna quest’anno ha insegnato una cosa ai suoi tifosi: soffrire.

Ridotto in dieci al 65° per l’espulsione di Mbaye, dopo aver subito il pareggio di Pasquato, tutti allo Stadio profilavano l’ecatombe: invece i Rossoblù hanno resistito, quasi  stoicamente, difendendo con le unghie e coi denti. E quando questo non è più bastato, quando Da Costa dopo due interventi è stato infine battuto, ci ha pensato Santa Traversa (come avvenne con l’Avellino e all’andata a Pescara) a fermare il colpo di testa a botta sicura di Melchiorri.

La finale di ritorno vede un Dall’Ara esaurito, 32.000 presenze, e un Bologna che inizia come sempre attanagliato dalla paura. E’ il Pescara a dare il primo brivido con Melchiorri che scheggia la traversa. A poco a poco i rossoblù prendono coraggio e escono dal guscio: prima un tiro da fuori e poi un bel colpo di testa di Oikonomou, ma la svolta arriva al 37° quando Acquafresca si invola dopo un uno/due e la rimette in mezzo, Torreira sbuccia la palla che resta li e Sansone non perdona infilando un siluro che annichilisce Fiorillo. Esplode il Dall’Ara.

Sembra fatta, ma nella ripresa la musica cambia: Oddo inserisce Pasquato e Sansovini, Rossi invece che aveva già sbagliato formazione scegliendo Morleo e Mbaye sbaglia ancora lasciando in campo l’ex interista e rischia di pagarla cara. Il Pescara attacca a testa bassa, ma è Sansone che può chiuderla in contropiede all’11° della ripresa: salta quattro difensori ma poi calcia su Fiorillo. Peccato. Il calcio è tremendo, gol sbagliato gol subito: sul ribaltamento di fronte lancio di Memushaj per Melchiorri che sovrasta Morleo e serve Pasquato in corsa che fulmina Da Costa: è 1 a 1.

La partita svolta e dopo  altri 10 minuti il patatrac: Mbaye ammonito nel primo tempo falcia platealmente Pasquato e l’arbitro Fabbri lo sbatte fuori. Particolarmente veemente la reazione di Matuzalem che mangia la faccia a Rossi  in panchina contestando all’allenatore il mancato cambio del giocatore già ammonito.
Da lì in poi è terrore puro: Delio Rossi che aveva già  cambiato  Acquafresca con Cacia sceglie di togliere il migliore in campo, Sansone, per coprirsi con Ceccarelli lasciando icredibilmente in campo un Laribi impreciso e sfinito.

L’ultima mezz’ora e sofferenza pura e terrore a ogni palla: il Bologna si rintana, il Pescara ci crede, Da Costa toglie due volte le castagne dal fuoco salvando la partita, poi quasi incredibilmente, in contropiede, Cacia potrebbe chiuderla: si invola, ma sul fallo del difensore pescarese che potrebbe portare al rigore invece che cadere resiste per far gol e poi si impappina.
L’arbitro Fabbri, molto insufficiente nella ripresa, non è equo e all’81° grazia Melchiorri (già ammonito) su un fallaccio da dietro su Maietta.
Lentamente si arriva il 90°: lo stadio ha il cuore in gola. E puntualmente su un cross arriva a Melchiorri (che stando a regolamento avrebbe dovuto far compagnia a Mbaye sotto la doccia.. ) la palla della vita: colpo di testa, Da Costa è battuto, ma la traversa no! La stessa traversa colpita al 93° minuto da Castaldo nella gara con l’Avellino.

Dopo un tempo di recupero interminabile l’arbitro fischia finalmente la fine: è serie A! I tifosi invadono il campo (ritardando la cerimonia di premiazione) e poi affluiscono in Piazza a migliaia per aspettare il Pullmann scoperto coi giocatori per la grande festa.
E’ stata durissima, ma il Bologna ce l’ha fatta. E’ Serie A!

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.