Gianmarco De Pieri arrestato al Brennero dalla polizia austriaca

gianmarco de pieri24 apr. – Gianmarco De Pieri, leader del centro sociale Tpo e candidato consigliere comunale di Coalizione civica, è stato arrestato dalla polizia austriaca al Brennero, durante la “Marcia per la libertà di movimento“, manifestazione organizzata per protestare contro i controlli e le barriere al confine tra Italia e Austria disposte dalle autorità di Vienna nelle ultime settimane. In un video, diffuso su twitter dall’inviato del quotidiano la Stampa Niccolò Zancan, si vedono tre agenti della polizei portare via l’attivista che oppone resistenza passiva.

Aggiornamento: Dopo circa 30 minuti, e l’intervento dei parlamentari di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni e Giovanni Paglia, De Pieri è stato rilasciato.


“Mentre i manifestanti stavano tornando verso il confine – si legge sul profilo facebook del Tpo – la polizia austriaca è entrata nel corteo e ha trascinato brutalmente Gianmarco De Pieri, mentre stava parlando al microfono del sound, arrestandolo. Dopo l’arresto di Gianmarco De Pieri, tutti i manifestanti rimangono in territorio austriaco: non ci muoveremo da qui finché Gianmarco non verrà rilasciato!”.

“Mentre stavamo tornando indietro verso il confine – scrive Luca Casarini su facebook – sono usciti da un angolo un gruppetto di poliziotti austriaci e hanno aggredito Gianmarco de Pieri mentre stava parlando dal camion. Hanno detto che è arrestato. Ora Nicola Fratoianni e un altro deputato italiano che lo stanno incontrando. Ci hanno intimato di scioglierci. Noi abbiamo deciso che se non lo rilasciano devono arrestarci tutti perché da qui non ci muoviamo”.

Le polemiche. Nel frattempo su facebook infuriano le polemiche dopo un post su facebook di Amelia Frascaroli, assessore al welfare della giunta Merola. “La campagna elettorale di Coalizione Civica si è momentaneamente trasferita al Brennero all’urlo: ‘De Pieri Santo subito’. #‎sifaperscherzare L’uomo è stato già rilasciato”. Firmato: “La nonna”. “Non mi piace questo post. Per niente”, scrive la vicesindaca di Marzabotto Valentina Cuppi. “Brutta caduta di stile. Un’occasione sprecata”, attacca Marco Trotta, candidato presidente di Coalizione civica al quartiere San Donato. “Non fate le vittime”, è la replica dell’assessore. “Dai, ha avuto i suoi cinque minuti di notorietà sui media nazionali”, commenta Matteo Festi, candidato con la lista di Frascaroli alle prossime comunali.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.