Esuberi alla Alstom. Scatta lo sciopero dei lavoratori

Bologna 18 mar.- Anche a Bologna Alstom ha dichiarato degli esuberi: 22 lavoratori (sui 600 che sono impiegati) e 11 trasferimenti nello stabilimento di Milano. Una situazione che va inquadrata a livello nazionale visto che Alstom ha anche uno stabilimento a Savigliano, nel cuneese, che rimane appeso alla commessa di un bando della regione Emilia Romagna per la costruzione di 47 treni regionali. L’azienda avrebbe infatti detto che se non dovesse vincere si arriverebbe circa a 1600 esuberi. I sindacati Fiom Cgil e Fim Cisl hanno proclamato un pacchetto di 8 ore di sciopero, le prime 4 si terranno lunedì 21 marzo con un presidio alle 8 davanti ai cancelli dell’azienda in via Corticella.

Alstom è un gruppo industriale francese che opera nella costruzione di treni e di infrastrutture ferroviarie; si occupa anche del segnalamento ferroviario.

Gli esuberi bolognesi sono stati una doccia fredda pronunciata ai sindacati nel corso di una riunione alla quale era presente anche il numero uno di Alstom Pierre Louis Bertina. I sindacati chiedono però di vederci chiaro anche sul piano di ristrutturazione. “L’azienda non dice fino in fondo il punto di caduta di questo piano – protesta la Fiom – e considera il sindacato un mero notaio delle sue decisioni”.

Marco Colli della Fiom Cgil

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.