Decreto di sequestro per Làbas

labasBologna, 22 dic. – Nuovo provvedimento di sequestro per le occupazioni bolognesi. Questa volta tocca a Làbas di via Orfeo 46, occupazione nata il 13 novembre 2012. Dando seguito alla linea dura portata avanti sul tema, nei giorni scorsi la Procura, con il Pm Antonello Gustapane del gruppo ‘ordine pubblico’ coordinato dal procuratore aggiunto Valter Giovannini, ha emesso un decreto di sequestro per l’ex caserma Masini in via Orfeo.

Il provvedimento si aggiunge ad altre misure simili decise recentemente, che riguardano altri stabili. Tra le palazzine per cui è stato emesso un provvedimento di sequestro, dalla Procura o su disposizioe di giudici, ci sono ad esempio quelle in via De Maria, via Mura di Porta Galliera, via Irnerio e via XXI aprile. Sequestri che, ha ripetuto spesso il procuratore aggiunto, “prima o dopo verranno portati a compimento”.
“Lo sgombero di Làbas dalla Caserma Masini non dovrebbe nemmeno poter essere immaginato, per il valore sociale che lì si produce – dice il deputato di Sel Giovanni Paglia – Invece la Procura emette un decreto di sequestro a orologeria. Stiamo parlando di un immobile pubblico, ancora in mano a CDP. Io credo che spetti quindi alla politica determinare se in quello spazio debbano continuare e rafforzarsi le attività che in questi anni hanno arricchito Bologna, o avviarsi l’ennesima speculazione, di quelle che in questi anni l’hanno impoverita, portando al fallimento anche storie come quella della Coop Costruzioni. Vogliamo trovare una buona soluzione, o ancora una volta attendere per inerzia che sia la Procura a praticare quella peggiore?”

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.