Dalla Regione pioggia di milioni per le ciclabili, “ma solo per chi rispetta le regole”

donini bici
Bologna, 3 mar. – Raddoppiare il numero dei ciclisti nella regione Emilia-Romagna e dimezzare le vittime di strada entro la fine del 2020: questi gli obiettivi del primo progetto di legge sulla ciclabilità approvato dalla Giunta regionale. Complessivamente saranno 25 i milioni destinati al progetto per la mobilità sostenibile: di questi, 10 milioni verranno investiti dalla Regione per l’applicazione della legge, mentre i restanti provengono da finanziamenti volti a progettare nuovi itinerari ciclabili e opere di moderazione del traffico.

In un territorio dove già il 10% delle persone che si spostano scelgono la bicicletta, la realizzazione di una Rete di ciclovie regionali vuole incentivare ancora di più l’uso delle due ruote. La Rete includerà non solo le nuove piste, che per la prima volta potranno essere costruite non in adiacenza alle strade, ma anche i tratti già esistenti, per i quali sono previsti interventi di messi in sicurezza. Ma non si interverrà solo sulla strada: verranno messe a disposizione degli utenti nuove aree dedicate al parcheggio, al noleggio e al bike-sharing, si interverrà per limitare i furti attraverso forme di videosorveglianza e numerose altre iniziative volte a tutelare i ciclisti.
Il provvedimento presentato e analizzato dall’assessore regionale alla mobilità, Raffaele Donini.

      Donini intero
Nel dettaglio, ai 10 milioni per l’applicazione della nuova legge si aggiungono 8 milioni per i progetti dei Comuni con più di 50mila abitanti (Carpi, Cesena, Faenza, Ferrara, Forlì, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini) e la Città metropolitana di Bologna per nuove piste ciclabili o misure di moderazione del traffico, di cui 8 milioni cofinanziati direttamente dalla Regione con fondi Por-Fesr; 1,3 milioni assegnati all’Emilia-Romagna dal riparto nazionale del Piano per la progettazione di itinerari e piste ciclopedonali e 5 milioni, sempre assegnati alla Regione dalla legge sulla Green economy, per la realizzazione del tratto della Ciclovia del Sole che attraversa otto Comuni fra Bologna e Modena (Mirandola, San Felice sul Panaro, Camposanto, Crevalcore, San Giovanni in Persiceto, Sant’Agata Bolognese, Anzola dell’Emilia, Sala Bolognese).

La città di Bologna si occuperà di coordinare il progetto della Ciclovia, che andrà a sostituire gli attuali 360km di linea ferroviaria dismessa.

      Donini2
Roberta Cristofori

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.