Cromatica. A Bologna il primo festival dei cori Lgbt

Bologna, 28 mag. – L’Onda Pride si apre con un colpo di diapason, quello dei cori lgbt italiani. Si terrà a Bologna il primo festival dei cori Rainbow, Cromatica. A cantare, sabato 30 maggio e domenica 31, saranno sette cori italiani e il coro parigino, 175 coristi. Tra loro Komos, il coro bolognese, nato nel 2008, che conta 25 coristi.

L’evento verrà anticipato venerdì 29 maggio da una esibizione del coro Podium Paris Choeur Gay De Varietè, sulla scalinata del Podestà, di fronte a Palazzo Re Enzo. Un posto di eccellenza, concesso e proposto dal Comune di Bologna.
Sabato al teatro Testoni alle 20.30 ci sarà l’evento clou, tutti gli otto cori saliranno sul palco, inframezzati dagli interventi comici di Alessandro Fullin. Il costo del biglietto è 10 euro.
Domenica i cori scenderanno in strada, partendo alle 14.30 da 8 piazze diverse (via Zamboni, piazza Santo Stefano, piazza della Mercanzia, via Orefici, piazza Celestini, via Indipendenza) confluiranno il piazza del Nettuno per un’esibizione dedicata alla raccolta fondi per il restauro del Nettuno, “Nettun Dorma”. Il corteo cantante si sposterà alle 15.30 a metà di via Indipendenza, (lasciando piazza del Nettuno alla consueta presenza di Beppe Maniglia).

Se in Italia i cori vengono spesso associati al mondo religioso, i cori del coordinamento CoCorIta (Coordinamento Cori Italiani Lgbt) vogliono invece usare la musica per “fare cultura, non solo musicale, ma di cambiamento, contro i pregiudizi, per una valorizzazione delle differenze” spiega il presidente di Komos, Francesco Avolio, che sottolinea come lo stesso canto corale sia “la valorizzazione di voci differenti”.

L’evento ha il patricinio di Comune, Regione e Unar. Un appoggio, quello del Comune, che pare smorzare le polemiche che hanno toccato questi mesi il Cassero. “Con il Comune e in particolare con Sindaco, Cultura e Assistenza sociale c’è sempre stata un’interlocuzione importante” ricorda il presidente del Cassero Vincenzo Branà che sugli ultimi “screzi” commenta: “Sono misunderstanding della politica con la politica“.

Invitato all’evento, come al Gay Pride, è anche Gianni Morandi che, commentano scherzosamente gli organizzatori, “se volesse farci una cantata non potremmo negargliela”.
A cantare a Cromatica saranno: Canone Inverso (Padova), Checcoro (Milano), CorAcoR Napoli Rainbow ChoirGood News Female Gospel Choir (Milano), Komos (Bologna), Parruccoro (Roma), Qoro (Torino), Roma Rainbow Choir (il primo in Italia). Nei mesi di organizzazione del festival è nato un ottavo coro lgbt italiano, a Perugia, Omphalos Voices.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.