Corteo antifascista contro Casapound

26 feb. – Mobilitazione antifascista dei collettivi cittadini che hanno occupato la sede del quartiere Santo Stefano per impedire la conferenza sul nucleare organizzata da Casapound e poi hanno sfilato in corteo lungo i viali fino a porta San Mamolo dove l’organizzazione di estrema destra ha ripiegato tenendo l’incontro alla sala dell’Angelo.

Alle 11 è scattato il blitz nella sede del quartiere Santo Stefano già presidiato da un cordone di carabinieri. Un gruppo di attivisti dei collettivi, Tpo, Bartleby, circolo anarchico Benreri, è riuscito ad entrare passando dal retro del quartiere che si affaccia sui viali. Secondo il racconto dei manifestanti c’è stata una carica in cui un ragazzo è rimasto ferito alla testa e poi è stato trasportato all’ospedale.

Ascolta la sua testimonianza. manifestante_ferito

Guarda il video degli attimi successivi alla carica, quando già una decina di persone erano riuscite ad entrare:

Intanto cresceva il numero delle persone che si erano radunate nella sede del quartiere per partecipare alla mobilitazione antifascista ed erano diventate 300.

Casapound ha ripiegato sulla sala dell’Angelo in via San Mamolo ma il presidio di protesta si è trasformato in un corteo che ha sfilato lungo i viali fino a porta San Mamolo. Nella sala a discutere di energia nucleare c’erano 23 persone compresi i 3 relatori.

Ecco la fotogallery

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.