Coppie miste, tra luoghi comuni e controlli di convivenza

8 feb. – Coppie miste, unioni tra persone di diverse nazionalità, etnia e fede che frequentemente generano pregiudizi infondati. Valeria Battaini ed Elia Moutamid sono una di queste coppie: un’attrice teatrale e un regista con doppia nazionalità, marocchina e italiana, sposati con rito civile in presenza sia di un sacerdote cattolico che di un imam, perché lui è musulmano praticante, lei no. Per raccontare il loro matrimonio meticcio e sfatare qualche luogo comune sulla cultura araba, hanno creato una web serie, Arabiscus – Le conseguenze dell’invasione, disponibile su Youtube. La loro scelta è stata ben accolta dalle reciproche famiglie, eppure Valeria sa che non è così per tutti: manca spesso l’impegno e l’empatia necessarie per comprendere la cultura altrui e questo può portare a gesti di violenza estrema, che matura “attraverso parole che all’inizio sembrano solo strafalcioni – come quando qualcuno parla di razza – e invece sono parole molto gravi”.

Anche Valentina e Hachemi sono una coppia mista residente a Bologna: lei italiana, lui algerino arrivato in Italia per completare il percorso di studi. Nel loro caso però, sposarsi è stata una scelta maturata per venire incontro alle difficoltà di Hachemi nell’ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno per studio, a causa dell’insufficienza di “crediti formativi” raggiunti, spiega. Ma le cose non sono andate esattamente così: infatti, in caso di unione tra cittadino italiano ed extra Unione Europea “la richiesta di permesso di soggiorno viene bloccata”, spiega Valentina, finché gli agenti pubblici non effettuano un “controllo di convivenza”. Si tratta di un accertamento della sussistenza del requisito della convivenza effettiva, operato dalle autorità competenti, che può avvenire “entro sei mesi dalla data del matrimonio”. E che dimostrerebbe, secondo Valentina e Hachemi, il “sospetto” diffuso da parte delle “autorità” verso i cittadini italiani che si coniugano con cittadini stranieri.

In conduzione Laura Pasotti e Roberta Cristofori

      Italia-Italie - 8 febbraio 2018

 

Ogni giovedì dalle 9.30 alle 10 su Radio Città del Capo va in onda Italia-Italie, realizzata in collaborazione con Redattore Sociale, che vi racconterà le tante culture e le tante comunità che compongono il tessuto sociale di Bologna e dell’Italia. Italia-Italie vuole dare voce a tutte quelle persone che l’Italia la fanno ogni giorno.

Italia-Italie è una programma di Boubacar Ndia, Giovanni Stinco, Roberta Cristofori e Laura Pasotti. In onda tutti i giovedì dalle 9.30 alle 10 sulle frequenze di Radio Città del Capo (a Bologna Fm 94.700 e 96.250) e in streaming via web (www.radiocittadelcapo.it) e TuneIn. Potete scriverci a italiaitalieradio@gmail.com

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.