Coop Costruzioni. Se ne va l’amministratore delegato

Bologna 22 ott.- Luciano Dal Prato, amministratore delegato che era stato nominato da Coop Costruzioni lo scorso giugno per rilanciare la storica cooperativa sprofondata in crisi anche a causa della depressione del settore edilizio, si è dimesso. L’ha fatto alla fine del secondo consiglio di amminsitrazione che si è tenuto nel giro di una settimana e perchè i vertici della coop hanno deciso di nominare un pool di consulenti per affrontare lo scenario particolarmente critico che si è determinato negli ultimi tempi. Una crisi di liquidità finanziaria che ha molto allarmato i sindacati visto che gli stipendi dell’ultimo mese sono stati accreditati in ritardo e secondo la Filca Cisl alcuni cantieri si sono fermati.

Domani, 23 ottobre, alle 10 l’azienda si incontrerà con i sindacati nella sede di Coop Costruzioni. Al presidio convocato dalla Cisl nella mattinata di mercoledì 21 ottobre è stato invocato l’intervento di Legacoop per risolvere la situazione.

Il presidente Passuti sulle dimissioni di Dal Prato ha detto che sono motivate “dai nuovi scenari sui quali ora sta lavorando un pool di consulenti”. Le criticità riguardano, tra le altre, il permanere della crisi del settore edile e il ritardo nei pagamenti. Il piano che era stato lanciato sotto la guida dell’ormai ex a.d. Dal Prato prevedeva la cassa integrazione per i 380 dipendenti, la vendita di terreni la sede aziendale e immobili e l’intervento del mondo cooperativo con 40 milioni di euro tra finanziamenti e acquisto di beni. Evidentemente un piano che non è bastato.

Dal Prato è stato un dirigente di imprese cooperative e ha scritto anche diversi testi in materia.

Coop Costruzioni. Accordo per la cassa integrazione in deroga

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.