Comune e Università per un nuovo polo 0-6 in via Filippo Re

Bologna, 20 apr. – Via libera al nuovo asilo dell’Università di Bologna nell’area di via Filippo Re. La giunta del Comune di Bologna ha dato semaforo verde oggi all’accordo con l’Alma Mater, per la realizzazione nel campus di un asilo da 42 posti (due sezioni) e una scuola materna (due sezioni). Palazzo D’Accursio riserverà per la propria graduatoria la metà dei posti nido, mentre l’altro 50% è destinato ai dipendenti dell’Ateneo. Per loro, il Comune metterà a disposizione un buono a parziale copertura della retta, per garantire pari opportunità rispetto a chi accede agli altri nidi comunali.

Entrano nell’offerta di Palazzo D’Accursio anche tutti i posti della scuola materna, fermo restando la priorità di accesso per chi proviene dal nido. Il nuovo polo scolastico sarà realizzato ex novo nell’area di via Filippo Re a partire dal 2017 e dovrebbe essere pronto nel giro di un anno. Il costo dovrebbe aggirarsi intorno ai due milioni di euro, l’Ateneo dovrebbe affidare la realizzazione in project financing. L’annuncio è stato dato oggi in conferenza stampa dal sindaco Virginio Merola e dal rettore Francesco Ubertini, che in campagna elettorale si era impegnato a realizzare il nido aziendale per i dipendenti dell’Alma Mater.

“E’ un progetto pensato vari anni fa, che poi si è arenato- spiega Ubertini- ora abbiamo ripreso questo progetto, lo abbiamo condiviso col Comune e col Dipartimento di Scienze dell’educazione e la prossima settimana sarà portato in Consiglio d’amministrazione”. Per l’assessore alla Scuola del Comune, Marilena Pillati, il nuovo polo per l’infanzia di via Filippo Re “non è solo una straordinaria opportunità per i dipendenti dell’Università, ma è anche una risorsa per tutta la città”. (Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.