Come fumo al vento

Quasi tutta la gente che conosco fuma, o ha fumato in vita sua una canna. Tra questi mi pregio di citare in particolare gli amici giornalisti, i notai e gli avvocati, i magistrati e i politici. E potrei continuare: i medici, gli operatori sanitari e sociali, i cooperatori e gli imprenditori, i maestri e gli educatori, i professori universitari,  gli operai e i muratori.
Potremmo andare avanti fino a notte: arrivo a citare per ultimi gli studenti di ogni ordine e grado, solitamente additati come gli unici consumatori di sostanze non legali.
Ebbene: se a quelli che hanno fumato casualmente o fumano abitualmente aggiungiamo tutti quelli che pur non fumando non sono affatto scandalizzati – o a disagio –  ove ne siano testimoni, credo che raggiungeremmo, se non la totalità dei cittadini bolognesi, una di quelle maggioranze che anche i candidati più megalomani non si sognerebbero mai neanche di pensare…
Ci sono momenti in cui amo incondizionatamente questa città. Altri in cui la detesto: una delle cose che in genere mi suscitano questo poco nobile sentimento è l’ipocrisia. I commenti alla dichiarazione di Virginio Merola fatta a Radio 24 sono stati il festival dell’ipocrisia: giornali con titoli scandalizzati “la gaffe di Merola”, “la sinistra va in fumo”, e via indignandosi..  addirittura c’è chi lo ha accusato di essere un “messaggero di morte”, allegando una documentazione che forse non aveva letto, visto che oltre ai rischi, tra l’altro, parlava delle virtù terapeutiche della cannabis.
Ieri avevamo Merola in studio e così siamo tornati sulla vicenda. Il candidato del centrosinistra ha convenuto che è uno scandalo finire in galera per aver fumato una canna, come può avvenire nell’Italia di oggi che ha visto passare leggi che neanche in Turchia ai tempi di “Fuga di Mezzanotte”..

Forse in altri paesi la cosa non avrebbe destato la minima attenzione, essendo considerata ovvia. Da noi no. La notizia è stata ripresa da media e politici di tutti i colori, preoccupati però solo di condannare la “cultura dello sballo”. Che ipocrisia, che tristezza. La stessa tristezza che mi dà Berlusconi quando tenta di far passare le sue orgette per simpatiche serate culturali. Con l’aggravante che qui c’è di mezzo la vita delle persone: il fatto di fumare una canna, in sé, non è un valore ma neanche una cosa  grave né vergognosa. E’ un comportamento, e come tale va considerato e disciplinato. Esistono problemi di dipendenza per alcuni fumatori di cannabis?  Certamente.
E allora il problema, proprio come per le parole (il “Buson” di cui parlavamo nello scorso editoriale) diventa il contesto e l’intenzione, il nostro rapporto con le cose.
Essere intenditori e amanti del buon vino è considerato chic e prestigioso, essere alcolizzati, guidare ubriachi e picchiare i figli no. Considerazione banale, ma forse da recuperare visto che in questa città assonnata ci si adagia ormai sul peggior conformismo.
Se un candidato dice che è una porcheria finire in galera, o perdere i diritti civili, il voto, la patente, solo per aver dato un tiro a uno spinello dice una cosa sacrosanta.  Sarebbe bello lo dicessero anche gli altri candidati, e sarebbe meglio che almeno gli amici giornalisti che hanno il privilegio di scrivere, andare in onda e fotografare, e che nella loro vita hanno buona conoscenza di tante cose (e pure delle canne) ne parlassero con cognizione di causa, invece che inseguire solo lo zio Fester di turno che abbaia a sproposito contro “lo sballo”.

Paolo Soglia

p.s.
Sulla foto del Che in copertina: si dice che usasse la cannabis come broncodilatatore per curare la sua asma. Chissà se è vero..  di una cosa siamo certi, non era un ipocrita. Per quanto mi riguarda posso dire che ho fumato le canne, ora non le fumo più. Da molto tempo. E’ invece più recente l’abbandono delle sigarette: dopo un trentennio mi sentivo saturo e ho smesso…Confesso anche che dopo diversi anni di predilezione per il vino rosso ora bevo quasi esclusivamente il bianco.
Ecco, questo mi dà da pensare.. da cosa dipenderà?

 

Tag

Lascia un commento

Allowed HTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Get the Flash Plugin to listen to music.