Colonne sonore per la vita: i Campos dal vivo a Maps

19 mag. – Con il debutto Viva, uscito ai primi di marzo, i Campos hanno scritto un’altra interessate pagina al confine tra folk ed elettronica: dodici tracce, di cui potete qua sotto sentirne tre suonate dal vivo a Maps, per un gruppo che è nato a Pisa, ma che ha come riferimento logistico e musicale anche Berlino, dove la band si è prodotta nei primi live. Abbiamo voluto indagare con i musicisti anche sull’aura mitica che circonda la capitale tedesca, puntualmente smontata dai nostri ospiti, per quanto ci sia un ambiente musicale ricco, che offre tante possibilità di suonare con molte persone diverse: un’atmosfera di certo viva e molto piena, dove però, proprio per l’abbondanza di offerta, è difficile trovare cose buone“, per quanto di occasioni ce ne siano.

I due filoni stilistici che compongono l’anima della band arrivano dai trascorsi techno di Davide Barbafiera (synth e campionatori) e da quelli più morbidi di Simone Bettin (chitarra e voce). Canzoni nati tra le mura domestiche e rifinite sui palchi, che mostrano anime diverse, per quanto la forma ballata rimane fondativa del disco: “Soprattutto all’inizio il blues ha dettato le atmosfere dell’album, ma ci sono influenze country, western, elettronica downbeat che sono subentrate strada facendo”.

L’approccio musicale informa anche l’uso delle parole, scritte da Simone, usate più per dare immagini che per raccontare storie: “Siamo interessati al mescolamento delle linee melodiche vocali con quelle degli altri strumenti”, dice Simone e Davide aggiunge: “Il nostro ascoltatore ideale si lascia trasportare: le nostre canzoni sono colonne sonore per la vita“.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.