Coalizione civica. Spunta il fronte anti-primarie

Bologna, 4 feb. – Non c’è pace in Coalizione civica, la lista di sinistra anti-Merola sempre più lacerata dalle primarie per la scelta del candidato sindaco. In vista dell’assemblea che dovrà modificare lo statuto e dare così il via libera definitivo al voto dei non iscritti, si muovono gli aderenti della prima ora, parecchi dei quali schierati con Paola Ziccone, che temono uno snaturamento della lista in favore di una egemonia di Sel (di Sel è appunto l’altro candidato, Federico Martelloni). Su Facebook è in corso in queste ore la ”conta” di quanti voteranno ”no” alla decisione assunta dal direttivo, cioè alle primarie aperte a tutti. A mobilitarsi è anche Andrea Avantaggiato, già portavoce della Coalizione (insieme all’ex Pd Cecilia Alessandrini), che afferma di aver “appreso dalla stampa” della scelta fatta dal direttivo. “Verrò quindi in assemblea e voterò contro la decisione del direttivo- ha scritto Avantaggiato- perché fesso non sono e intuisco molto bene il rischio di una sovrapposizione tra un processo nazionale che non mi appassiona (Sinistra italiana o come diavolo si chiama) e uno prettamente cittadino che rischia di non appassionarmi più. Perché una votazione al costo di due euro, in questo momento di disaffezione verso la politica e con i nostri numeri, rischia di essere monopolizzata e manipolata dai gruppi organizzati che sono molto ben attrezzati nel portare persone nei gazebo ma che poi faticano a portare voti in cabina elettorale”. La sovrapposizione tra Coalizione civica e Sel, secondo Avantaggiato, “relegherà Coalizione civica ad un dignitoso 10%. Per carità, un buon bottino da far pesare nel teatrino delle politiche nazionali. Ma assolutamente insufficiente per il sogno possibile di arrivare al ballottaggio e di governare la città. (Fonte Dire)

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.