Città metropolitana, si vota il 9 ottobre. Fuori sinistra e Lega

consiglio provinciale vuotoBologna, 22 sett. – Domenica 9 ottobre si svolgeranno le elezioni di secondo livello per scegliere il nuovo consiglio metropolitano, il parlamentino che ha preso il posto della vecchia Provincia. Alle urne si recheranno 833 sindaci e consiglieri dell’area metropolitana di Bologna. Quattro le liste presentate: la destra di Uniti per l’alternativa, il cartello “Rete civica” legato anche al bolognese Manes Bernardini, il Movimento 5 Stelle (che candida il capogruppo Massimo Bugani) e il Pd.

Mancano del tutto i rappresentanti della sinistra alternativa ai democratici, e cioè Sinistra Italiana e Coalizione civica. Per i prossimi 5 anni dunque la sinistra a sinistra del Pd non avrà parola sulle questioni che riguarderanno la provincia. Troppo difficile raccogliere abbastanza firme, considerando anche che la vecchia Sel, in transizione verso Sinistra Italiana, sul territorio è spaccata. Molti consiglieri comunali del partito di Vendola hanno infatti scelto di mantenere l’alleanza di governo col Pd di Renzi e non hanno aderito al nuovo percorso politico guidato da Fratoianni e compagni.

Per presentare una lista servivano almeno 9 candidati e 42 firme a sostegno, per un totale quindi di 51 consiglieri o sindaci. Evidentemente troppo per la sinistra bolognese, che pure aveva più che accarezzato l’idea di presentare una propria lista. Fuori per lo stesso motivo la Lega Nord.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.