Ciao Piero

piero

Ci sono delle giornate in cui non vorresti andare in onda perché vicino a te si è spento qualcuno che non tornerà più.

Ma il nostro mestiere è parlare al microfono. Fare la radio significa stare con chi ci ascolta e anche le notizie peggiori si condividono perché stare da soli non fa bene.

Piero Santi se n’è andato. Non perdoneremo mai il male che ce l’ha portato via ma sappiamo bene che anche adesso lui ci sta guardando col suo sorriso beffardo.

Radio Città del Capo in questi giorni sarà la casa di chi ha voluto bene a Piero. Voi ascoltatori e abbonati innanzitutto, gli ex colleghi, tutte le persone che negli anni hanno collaborato con lui.
Venite qui, stiamo assieme.

Piero era la quintessenza della radio. Lui trasmetteva già prima che Radio Città del Capo nascesse. Poi, per fortuna, l’ha fatto per quasi trent’anni da queste frequenze.
Ciao Piero, ti vogliamo bene.

 

 

L’ultimo saluto a Piero sarà giovedì 23 giugno.

Dalle 9.45 alle 11.45 la camera ardente verrà allestita presso la camera mortuaria dell’Ospedale Maggiore di Bologna.

Dalle 12 alle 14 saremo al Pantheon della Certosa per un saluto collettivo.

Rispettando le volontà di Piero, non inviate fiori ma fate una donazione all’Ant.

Tag

124 commenti

  1. Vi ascolto da quando radio Alice non c’è più, la voce di Piero era una inconfondibile compagnia che mi mancherà molto,anche se non lo conoscevo personalmente.Ciao Piero.. Grazie a tutti voi di esserci.Francesca

    Comment by Francesca on 21/06/2016 at 11:15

  2. Ciao, Piero. Grazie di cuore.

    Comment by daniele bergonzi - Compagnia Fantasma on 21/06/2016 at 11:19

  3. Ricorderò i modi schivi e la dolcezza, la voglia di ridere e la passione.
    miss u

    Comment by Michele on 21/06/2016 at 11:32

  4. Mi dispiace davvero tanto… Vi seguo dai tempi di via Masi e Piero era la voce che identificava la radio… La musica gli spettacoli, l’arte che frullava a Bologna passava dalla sua voce. Il cinema con “pronto Roy” era la bussola da consultare o suggerire per ifilm che uscivano… Bel modo di insegnare ad ascoltare la radio.. Un abbraccio Stefano

    Comment by Stefano on 21/06/2016 at 11:32

  5. l’ho ascoltato per più di trent’anni e non ci posso credere…aspetterò ancora la sua voce, i suoi pensieri …si, lo aspetterò ancora!

    Comment by manila on 21/06/2016 at 11:33

  6. Torretta del Cassero di porta Saragozza, una micro antenna trasmittente ed un lettore di cassette a ciclo continuo. Giorni prima ero arrampicato con il tecnico sul tetto di Villa a montare l’antenna ricevente, e una fifa incredibile nel camminare su quei coppi screpolati. Ci siamo sentiti non tanto eroi, ma grandi zucconi perché sapevamo, con certezza, che di quella futura Radio la città ne aveva bisogno. Mai azzeccata un’altra previsione così giusta nella mia vita. Abbiamo fatto tutto e tutt* insieme, ci si sentiva così, con quell’incoscienza lucida nel giocarci un futuro (anche con grandi sacrifici personali) non tanto o solo professionale, quanto soprattutto di ri-costruzione di una Comunità coesa. Pronti ad allargare quell’entusiasmo ad altr* a Bologna e non solo. Eravamo unit* ed è bello oltreché importante che ancora esista quel punto fermo nell’etere. Da via Cartoleria 24 partì il sogno concreto, dopo ed ora realtà. Poi c’era il divertimento di guardarti quelle scarpe sempre “strane” e il continuare a prenderti in giro fino a due minuti prima di andare in onda. Volavi col pensiero ed ora lo farai totalmente. P.s. ricordati sempre di tenere calzata bene quell’accidenti di cuffia anche lì dove sei… ne abbiamo sparati di Larsen. Bye

    Comment by gregorio on 21/06/2016 at 11:49

  7. Che dolore, Piero. Un pensiero caro per te. un abbraccio alla radio e a Maria
    Massimo

    Comment by Massimo on 21/06/2016 at 11:57

  8. Ciao Piero, ti ho conosciuto a Città del Capo ai tempi di Piazza di Porta San Felice, quando Alberto Antonini mi invitava alla sua “Luna del Pozzo”, al lunedi subito dopo Fulvio Tommasetta.. Sono costernato.. Voglio ricordarti con quel tuo contagioso sorriso..

    Comment by Maurizio 'Mod' on 21/06/2016 at 12:00

  9. Non ci posso credere. leggo ora la notizia e sono costernato. non lo conoscevo di persona, ma l’ho incrociato mille volte all’arena del sole, o nei vari appuntamenti culturali o artistici in giro per bologna. l’ultima immagine sua qualche settimana fa, l’ho incrociato sul treno per perugia, dove vivo da 10 anni, probabilmente andava qualche giorno a città di castello, suo paese natale. non ho parole. un abbraccio a tutta la radio

    Comment by paolo on 21/06/2016 at 12:12

  10. Mi dispiace moltissimo. La voce di Piero mi ha accompagnato per anni, è sempre stata un punto di riferimento fondamentale per conoscere quello che culturalmente avveniva a Bologna. Non posso dire di averti conosciuto ma ricordo che negli ultimi anni scambiavamo due parole una volta all’anno quando mi chiedevi i consigli su quali bottiglie di vino comprare durante il festival Enolibrì che si tiene al Tpo. E non posso fare a meno di ringraziarti per l’attenzione e lo spazio che hai sempre dato alle attività dei centri sociali quando ancora erano considerati dei luoghi “non frequentabili” dalla maggioranza dei cittadini.
    Un abbraccio a tutta Radio Città del Capo

    Comment by meco on 21/06/2016 at 12:15

  11. ascolto Piero da quando ero adolescente (fine anni 80) e ogni giorno mi ha reso più ricca. grazie

    Comment by monica on 21/06/2016 at 12:31

  12. La “nostra radiolina preferita” non sarà più la stessa. Ciao Piero!

    Comment by Maria on 21/06/2016 at 12:39

  13. Sono devastato. Mi sento come se fosse morto un parente, un amico. Non lo conoscevo se non nei momenti in cui accoglieva noi ascoltatori in radio, durante la campagna abbonamenti. Una persona meravigliosa, una voce che trovavo imperdibile nei santi time del sabato mattina. Sono addoloratissimo. Grazie Piero. Non credo in dio e nella vita dopo la morte, ma se esistono l’uno e l’altra faranno bene ad accoglierti come si deve.

    Comment by Paolo on 21/06/2016 at 12:40

  14. Era già da diverse settimane che saltava l’appuntamento Santi Time, Humus, ma io Piero lo immaginavo beatamente in vacanza. Che grande dispiacere. Il mio primo abbonamento a Città del Capo me lo ha fatto proprio lui, in autobus. Lo seguivo da sempre in radio e, a volte, ci si incontrava a teatro o per concerti: sempre simpaticamente scanzonato, in bicicletta, assieme a Maria. Sono triste: sarà davvero una forte mancanza

    Comment by patrizia on 21/06/2016 at 12:42

  15. “Quelli che ci hanno lasciato non sono assenti, sono invisibili: tengono i loro occhi pieni di gloria fissi nei nostri pieni di lacrime.” Sant’Agostino d’Ippona

    Oggi se ne va Piero Santi, un collega, ma anche un amico. Dividevamo la macchina per andare nei teatri della regione, insieme a Maria. Non aveva il cellulare, facebook, twitter, instagram… La sua voce ancora vibra nelle mie orecchie e il suo modo irridente, scherzoso, vivace di stare. Vestiva sgargiante perchè lo era davvero. Per me rappresentava la lievità, l’ironia, la simpatia, la leggerezza, l’educazione e il garbo, la sincerità. Queste sono le uniche immagini che ho, ma lo ritraggono bene: cuffie rosa, faccia beffarda, in diretta dai luoghi dove le cose accadevano. Il mondo della cultura ti ricorderà con affetto, ne sono sicura! Un abbraccio e buon viaggio, spero che tu sia diretto al mare, che tanto dicevi di amare. Un abbraccio stretto a Maria. Agnese

    Comment by agnese on 21/06/2016 at 12:47

  16. Notizia terribile…
    Mi ha accompagnato durante tutti gli anni in cui con perizia e passione ha fatto radio, fin dagli inizi…
    Mi mancherà molto, Santi time, Humus e la rubrica sul cine le mie trasmissioni preferite in assolute, arrivederci Piero.

    Comment by Domenico on 21/06/2016 at 12:51

  17. Mi dispiace….non trovo proprio le parole….potrei prendere a prestito quelle di tutti coloro che hanno scritto prima di me….una tristezza profonda….mi mancherà tantissimo

    Comment by Giorgio on 21/06/2016 at 12:54

  18. Piero,
    per “colpa” tua ho fatto alla radio uno strano abbonamento “over size”…
    Lo manterrò sempre, pensando a te
    valeria

    Comment by Valeria Dalle Donne on 21/06/2016 at 12:56

  19. no, la “nostra radiolina preferita” non sarà davvero più la stessa.
    Piero e il suo Humus erano il mio contatto con la città, grazie a lui era possibile sempre sapere cosa si muoveva di interessante in città…
    grazie, Piero.

    Comment by anna on 21/06/2016 at 12:56

  20. Le giornate avranno un po’ meno Humus adesso, grazie per la voce e la compagnia…

    Comment by Fabio on 21/06/2016 at 13:09

  21. Ma che tristissima notizia
    e io che immaginavo fosse in viaggio
    buon viaggio Piero
    un abbraccio a tutti voi

    Comment by Rossana on 21/06/2016 at 13:12

  22. La prima volta che ci siamo incontrati…chi l’avrebbe detto che sarebbe stata la prima di una lunga serie. Noi: ragazzetti con una storia da raccontare. Tu: una specie di cappellaio matto. Con dei pantaloni improponibili. E con gli occhi profonti e buoni.
    Negli anni abbiamo avuto, ho avuto modo di imparare da te che la complessità è una cosa semplice. Che la profondità si può portare addosso anche come un cappotto buffo.
    E poi ogni volta sarebbe stato come tornare a casa. Da te.
    E adesso chi dovrebbe riempirlo questo vuoto….
    Stefano – Compagnia Fantasma

    Comment by Stefano D'Arcangelo - Compagnia Fantasma on 21/06/2016 at 13:30

  23. Che tristezza! Per me eri “solo” una voce, ma una voce intelligente ed ironica che mi teneva spesso compagnia. Amavo Santi Time e la rubrica sul cinema con Roy Menarini. Mi mancherai Piero! Un abbraccio a tutta la radio.

    Comment by Sofia on 21/06/2016 at 13:46

  24. Piero Santi se ne è andato…non ci posso credere !
    Quelli come lui sembra che vivano in un mondo tutto loro in cui il dolore e la morte non hanno il permesso di entrare. Lui era sempre ironico e beffardo, quasi sempre allegro …Lo conosco personalmente da sempre e lo ascolto da tempo immemorabile..non so quantificare la grandezza del buco che lascia nelle nostra vita.
    Ciao Piero, ci manchi già !!
    Patty e Giorgio- EMERGENCY

    Comment by Giorgio - EMERGENCY Bologna on 21/06/2016 at 14:00

  25. Non ci posso credere! Senza parole veramente! Questa notizia è del tutto inaspettata! Una voce che aspettavo in questi giorni e non riuscivo a capire perché non ci fosse lui nel mini humus! Da una vita ascolto il suo spazio. Una voce calda simpatica che mi tiene al corrente di tutta la parte culturale di Bologna musica cinema teatro e tanto altro. Mi mancherà moltissimo e spero che rimandiate in onda le sue puntate di humus imperdibili e del santi tyme del sabato mattina. Comunque non ci credo ancora perdonatemi! Un abbraccio fortissimo al mio amico Piero Santi e a tutti voi delle redazione a cui mi stringo con tanto affetto e gratitudine per questa radio che ascolto da quando è nata!

    Comment by Francesca on 21/06/2016 at 14:14

  26. poi negli anni ci siamo un pò persi di vista, ma la tua voce insieme alla tua voglia insaziabile di bellezza e di cose buone, quella ha continuato a risuonare dalle frequenze della tua “radiolina” tra le pareti di casa, a volte solitaria e un pò malinconica certe altre più appassionata e compulsiva, o in allegra compagnia. il silenzio innaturale delle ultime settimane purtroppo faceva già presagire qualcosa, Bologna perde molto del suo humus senza te ma la traccia che lasci continuerà a trasmettere ancora a lungo i tuoi generosi e indimenticabili segnali di fumo. ciao Piero

    Comment by iugi on 21/06/2016 at 14:14

  27. Volevamo esprimere la nostra vicinanza al dolore della radio e della famiglia, ricordando insieme a tutt Piero Santi, voce storica che ha accompagnato ore e ore di vita in compagnia della radio. Valga come consolazione che nel nostro immaginario, le vostre voci, come dice Guccini, sono sempre giovani e belle.Marina Prosperi, Tiziano Loreti, Carlo Bressan e tutto lo studio legale.

    Comment by Marina Prosperi on 21/06/2016 at 14:27

  28. Ci mancherà moltissimo la tua voce, il tuo “Roooy, gli diamo un giallo o un verde con del giallo?”, svegliarsi il sabato mattina e aspettare con il mio bimbo la sigla balcanica di santi time e ballarla saltando per la stanza. E la musica classica e il tuo modo di parlare e di leggere gli appuntamenti del weekend. Ascoltando Benjamin Clementine penseremo sempre a te. Eri uno di famiglia, una presenza immancabile al pomeriggio. Non posso pensare che non ci sarai più. Un abbraccio a tutta la nostra radiolina preferita. Ciao Piero

    Comment by Valentina on 21/06/2016 at 14:27

  29. Ciao Piero! -_-

    Comment by Mariagrazia on 21/06/2016 at 15:03

  30. Ho appreso la notizia solo adesso…non sapevo nemmeno della sua malattia…
    Anche se non abbiamo mai fatto nulla assieme, era un mio “collega”, nel senso che oltre a fare radio presso R.C.D.C., come me amava il jazz in tutte le sue forme.
    Spesso ci incrociavamo (oltre che in radio) ai concerti e in molti dei tanti eventi musicali e culturali della nostra bellissima città.
    Con lui se ne va un grande pezzo di Radio Città del Capo.
    Ciao Piero…

    Comment by Luca - Moebius on 21/06/2016 at 15:26

  31. Ciao Piero…mi spiace un sacco. Mi ricordo, quando ti arrabbiavi perché insistevo nel volerti fare delle domande proprio mentre stavi trasmettendo. La tua curiosità contagiosa è stato il tuo più nobile pregio.
    Ciao

    Comment by Francesca Ognibene on 21/06/2016 at 15:26

  32. Sono cresciuta con la tua voce, intelligenza e cultura. da te ho imparato moltissimo. Per me sarai sempre la radio.

    Comment by LINDA on 21/06/2016 at 15:27

  33. Una voce familiare. Mi dispiace molto, ci mancherà la tua voce. Ciao Piero

    Comment by Antonio on 21/06/2016 at 15:27

  34. Ero un cinno quando ci siamo conosciuti. R.I.P.

    Comment by Zack on 21/06/2016 at 15:32

  35. sono senza parole. Notizia orrenda che mi rattrista tantissimo. Non posso pensare che il sabato mattina non sentirò più ‘pronto Royiiiiiii’ con quel tono inconfondibile e amabile.
    Ricorderò sempre Piero per la sua squsita gentilezza collaborativa e per gli esilaranti collegamenti che faceva con Peter van Bagh prima del Cinema Ritrovato. Un cult! Grande Piero

    Comment by Patrizia Minghetti on 21/06/2016 at 15:32

  36. Indimenticabile Piero! Quello della “vostra radiolina preferita”. Lo conoscevo dai tempi di mura di porta S.Felice quando andavo con Luca Bottura andavo a registrare le puntate di “Vile Vinile: tutto il peggio della musica italiana dai ’70 ad oggi”. Lo ricordo sempre burbero e sagace e sempre pronto allo scherzo ed alla citazione dotta (con sacrosanta cognizione di causa!)Sagacia e conoscenza. Curiosità intelligente ed ironia.Queste le sue due facce inseparabili. A volte lo prendevo un po’ in giro per una certa propensione alla musica troppo impegnata e schierata poi mi registró una doppia audiocassetta con la miglior musica giamaicana dallo ska al reggae… Ci mancherá

    Comment by Checco Garbari on 21/06/2016 at 15:37

  37. Dolore profondo…e rabbia amara.. In 13 anni di permanenza a Bologna la sua voce inconfondibile e la sua grande umanità hanno arricchito e riscaldato le mie giornate..Appuntamento imperdibile con le se trasmissioni, lo sentivo come “uno di famiglia”.. Grazie Piero, di tutto! Sarai sempre con noi. Un abbraccio solidale a tutti voi, con affetto e stima. Sabina Paladini

    Comment by Sabina Paladini on 21/06/2016 at 15:44

  38. Ciao Piero
    ci manchi già, ogni sabato mattina sarà un po’ più triste. E certe cose non potremo più ascoltarle, o forse le ascolteremo con un sorriso un po’ più malinconico.
    Grazie di tutto

    Comment by gig. on 21/06/2016 at 15:53

  39. Ascoltare il suono di una voce è una cosa speciale, specie se parla la propria lingua madre. L’italiano è diventata la mia lingua di adozione in parte grazie a Piero Santi che ho ascoltato fin dai primi giorni in cui sono venuta a vivere in Italia, tredici anni fa, un bel pezzo di vita. Sono grata per le tante piacevoli ore passate ad ascoltare la radio in sua compagnia. La sua voce come la sua anima resteranno vivi nei miei ricordi. Un abbraccio a voi di RCDC

    Comment by Claire on 21/06/2016 at 16:01

  40. Ciao Piero, sei stato una delle voci della radio che mi ha dato di più da quando sono a Bologna. Un abbraccio a te ed a tutti gli amici di RCDC.

    Comment by Marco on 21/06/2016 at 16:08

  41. Pensavo che saremmo invecchiati insieme, lui a fare Santi Time io ad ascoltare. Non è stato così. Mi mancherà un bel po’.

    Comment by rita lambertini on 21/06/2016 at 16:23

  42. Ciao Piero, che strano giorno d’estate! iniziato con la notizia della tua scomparsa. e quanti ricordi, chiacchiere, bevute e soprattutto sane risate. Mi mancherà la tua voce e il saperti in giro per concerti e spettacoli aspettando di sentirtene parlare. ci mancherai tanto!
    Ciao Piero

    Comment by Salvina on 21/06/2016 at 16:27

  43. ….Solo ora capisco il motivo per il quale era da alcune settimane che non sentivo più la voce di Piero dai microfoni della radio…. Che dispiacere incolmabile. Mi mancherà tantissimo. Il buongusto nelle scelte musicali, la sua voce calda e bassa, l’abitudine umanissima di ripetere le cose…. Non è possibile che la sua voce rimanga solo nelle registrazioni delle mie cassette…. Ciao Piero, mi mancherai davvero. Un caro saluto a tutti i collaboratori della radio.

    Comment by Christian Tura on 21/06/2016 at 16:36

  44. Magari dove stai bussando adesso ti faranno delle storie perché ti guarderanno quelle cazzo di scarpe che hai, ma tu alzagli il volume della radio e fagli sentire qualcosa che ancora non conoscono. La prossima volta che accenderai il microfono, dall’altra parte del vetro ad ascoltarti troverai tanta, troppa brava gente che per noi che stiamo quaggiù resta un bel vinile, e per te adesso è il tuo condominio allargato.

    Comment by girolamo de michele on 21/06/2016 at 17:12

  45. Piero: voce sicura, professionale, uomo colto, raffinato nei gusti musicali e artistici, in poche parole la voce della cultura in radio… poi, stando di là dal vetro o con lui in regia, spesso diventava difficile rimanere seri, bastava partire con qualche ironia su qualcosa o qualcuno e si rischiava di spararne di grosse. Quante risate, Piero. Anche quando ci incontravamo alla Drogheria 53, era divertente commentare le schifezze della realtà mandando al diavolo la malinconia. E adesso ce la teniamo tutta dentro e addosso, questa malinconia spessa e vischiosa come catrame… Quanta assenza.

    Comment by pino cacucci on 21/06/2016 at 17:23

  46. Sono molto, molto dispiaciuto di perdere chi ha condotto due appuntamenti musicali per me molto importanti da quando ho scoperto RCdC.

    Il vuoto che lascia in questo momento lo si vede fin da qui, nel (cosiddetto) cuore dell’Europa.

    Comment by Wagner on 21/06/2016 at 17:33

  47. Piero ha portato nella mia vita musica e persone e la sua voce è la radio……..un amico dell’anima che mi lascia jn gran vuoto……mi piace pensare che lo riincontrero’ in chissà quale mondo, lui e la sua musica e la sua voce.
    Devo dirgli ancora un sacco di cose…….

    Comment by chiara on 21/06/2016 at 18:03

  48. Ciao Piero.Un piacere e un onore averti conosciuto nei locali della “nostra radiolina preferita”.Ciao

    Comment by Ezio on 21/06/2016 at 18:05

  49. Inizia l’estate e tu te ne vai così…di nascosto…
    Caro Piero troppi ricordi si affollano e si compenetrano.
    Rimane infine impresso il tuo sorriso, il tuo buon cuore.
    Ciao dal cugino
    Francesco Garau

    Comment by Francesco Garau on 21/06/2016 at 18:26

  50. Quante volte la tua voce mi ha fatto compagnia nei sabati mattina pigri passati a casa in pigiama e nei pomeriggi in coda nel traffico di Bologna.
    Ciao Piero. Un saluto a te e un abbraccio a tutti gli amici e le amiche della radiolina.

    Comment by Paolo Figini on 21/06/2016 at 18:36

  51. Ciao Piero, non ti conoscevo e mi sorprendo nel provare tanto dolore. Da ora in poi il sabato avrà un altro sapore (amaro .. aaah…i tuoi siparietti con Roy ). Mi manchi e mi mancherai

    Comment by Mauro on 21/06/2016 at 18:43

  52. Sono attonito…un amico, una persona gentile e discreta…una persona rara…

    Comment by Fabrizio Festa on 21/06/2016 at 18:53

  53. Ciao Piero mi facesti l’abbonamento alla radio in quella bellissima festa al pratello nei primi anni 90.
    Ci mancherai con la tua radiolina preferita.
    Un abbraccio a te e tutta la redazione.

    Comment by enzo on 21/06/2016 at 19:16

  54. Apprendo ora della sua scomparsa…. non ho parole….sono sconcertata.La sua voce era famigliare … di casa come una persona amica, anche se non lo conoscevo. Mi dispiace davvero tanto … mi mancherà. Ciao Piero

    Comment by Antonella on 21/06/2016 at 19:16

  55. Nooo!! Avevo notato la sua assenza da un po’, ma non immaginavo il motivo. Per me la voce “storica” di RCDC. Una proposta: manteniamo la trasmissione “Santi time” in suo ricordo…

    Comment by Claudio on 21/06/2016 at 19:36

  56. Grazie per le tue parole, i tuoi pensieri, i tuoi consigli, la tua musica, la tua VOCE!!!! Ciao

    Comment by matteo on 21/06/2016 at 19:48

  57. Che brutta notizia! Ti ascoltavo spesso il pomeriggio in macchina. Mi facevi compagnia mentre andavo con Cristina a prendere il gelato; bramavamo le tue chiacchiere con Roy. La Cultura di Bologna ” e che cultura!” ( cit. Ale Bergonzoni) passavano dal tuo programma. Grazie di tutto. G.Luca

    Comment by Gian Luca on 21/06/2016 at 19:51

  58. Caro Piero, grazie per la compagnia che mi hai tenuto in tutti questi anni…mi mancherai.

    Comment by Sandra Cassanelli on 21/06/2016 at 20:59

  59. Un lembo di deserto in più, una magnifica voce radiofonica in meno. Non ricordo che fosse mai mancato tanto a lungo dalla radio e avevo immaginato che si fosse preso una lunga vacanza. E’totalmente inaccettabile l’idea di non poter più sentire la sua voce, i suoi giri di parole intelligenti e strampalate, i suoi entusiasmi pacati e contagiosi. Ciao Piero e grazie, Claudia

    Comment by Claudia on 21/06/2016 at 21:01

  60. Una notizia dolorosissima, una voce amica, un pezzo della nostra vita che si allontana insieme alla sua. Un abbraccio a Maria con la quale tanto tempo fa ho condiviso un’esperienza di lavoro.

    Comment by Sonia Bianchini on 21/06/2016 at 21:06

  61. Un forte abbraccio alla mia “radiolina preferita” (cit.)
    Lorenzo

    Comment by Lorenzo on 21/06/2016 at 21:36

  62. Ci ha seguito per anni, interrogandoci sinceramente curioso sui nostri progetti artistici, traducendo con le sue sintesi intelligenti i nostri pensieri e le nostre estetiche. Proprio in questi giorni mi chiedevo come mai non ci fossimo sentiti per i nostri recenti debutti e per la nuova edizione del festival. Mi dispiace davvero tantissimo. Un abbraccio alla sua famiglia e a tutti i collaboratori di Radio Città del Capo.
    Maria Federica Maestri < Lenz Fondazione

    Comment by Maria federica maestri on 21/06/2016 at 21:37

  63. Sapere che non sentirò mai più il suo “pronto Roi?” mi sembra impossibile e mi chiude la gola.

    Comment by Gilda Liberatore on 21/06/2016 at 21:43

  64. La sua voce, in tanti anni, nelle sere di rientro dal lavoro in auto, ascoltando la radio. Mi mancherà immensamente.
    Giorgio

    Comment by Giorgio on 21/06/2016 at 21:46

  65. Ciao Piero! Avrei voluto trovare parole speciali per salutare una persona eccezionale quale tu sei, non solo un grandissimo professionista ma un vero amico che spaeva ascoltare tutti .. anche i più rompiscatole come me! No words solo una gran tristezza! Un abbraccio forte a Maria e atutti gli amici di Radio Città del Capo.

    Comment by Michela on 21/06/2016 at 21:49

  66. Una notizia terribile! Non ho mai conosciuto Pierò di persona, ma ha fatto parte della mia vita per trent’anni. Sentire la sua voce e i suoi programmi è una parte della mia giornata, della mia vita, della mia identità. Un dolore vero che per di più arriva del tutto inaspettato. Un abbraccio a tutti voi, alla sua compagna, agli ascoltatori della Radio, un abbraccio attorno ad un grande vuoto

    Comment by Antonella Gavaudan on 21/06/2016 at 22:05

  67. Eri il filo rosso che mi teneva stretto al mondo mentre tutto intorno mi portava per mille strade, il sabato mattina eri un appuntamento immancabile.

    Comment by Gianca on 21/06/2016 at 23:28

  68. ciao Piero, ci mancherai tantissimo. la tua cordialità unita alla curiosità sono sempre state per noi l’esempio di intelligenza e grande umanità. ti ricorderemo ascoltandoti ancora alla radio, perchè la tua voce per fortuna non sarà mai dimenticata. A T’ VOI BEIN!

    Comment by Marco e Paola on 21/06/2016 at 23:28

  69. Sono senza parole, Piero e la diretta al sabato per ,,,fare partire i programmi della vostra radiolina preferita. E tutta la musica che mi ha fatto conoscere. Ci siamo incontrati ad una serata di Angelica Le Galline Pensierose di Tonino Guerra. Mi ha fatto abbonare e poi ritoccare alla frequenza con Nando contro tutti …. Lui in campagna abbonamenti era con Paolo Soglia e Ferdinando Pellerano uno sballo.
    Piero il tuo Santi Time è unico
    Piero ti voglio bene.
    Jacopo

    Comment by Jacopo on 21/06/2016 at 23:37

  70. ciao piero sorridente e scanzonato sempre inseparabile dalla tua bicicletta una voce che mi ha accompagnata in tutti questi anni con le tue battute la tua ironia .mi mancherai , mi mancherà la tua trasmissione! fai buon viaggio e continua a sorriderci da dove sei!

    Comment by rita on 21/06/2016 at 23:50

  71. …da tempo non ci si vedeva ma tu non ai mai
    smesso di tenermi compagnia. Il sentirti ha più
    volte risollevato il mio stato d’animo, il tuo
    essere mi ha regalato tanti sorrisi la tua
    curiosità tanta bella musica. Ti abbraccio
    forte caro Piero fai buon viaggio….

    Comment by gian piero on 22/06/2016 at 00:24

  72. Instancabile “microcollezionista”, ideatore dell’abbonamento speciale per artisti senza partita iva, la voce più sexy di Bologna sarà sempre con noi. Ciao Piero.

    Comment by pergolachiara on 22/06/2016 at 00:40

  73. Un forte abbraccio.
    Ciao

    Comment by Mauro on 22/06/2016 at 04:06

  74. Che la terra ti sia lieve

    Comment by Andrea on 22/06/2016 at 08:42

  75. La sua voce, la sua musica, i suoi film ci hanno accompagnato per così tanti anni… Non ci conoscevamo personalmente, ma faceva parte della nostra famiglia intimamente. Una grande grande tristezza…

    Comment by Marco on 22/06/2016 at 08:48

  76. Con Piero era sabato! Buon viaggio, voce amica!

    Comment by Stefan on 22/06/2016 at 09:11

  77. Ciao, era un piacere ascoltare la sua voce. Bruttissima e improvvisa notizia. Ci manchera’. Restera’ pero’ il suo ricordo a lungo

    Comment by Lucio f. on 22/06/2016 at 09:49

  78. Piero, grazie per la tua amicizia, per le prese in giro, per avermi portato in onda, per le discussioni sul libro dell’anno, per come mi facevi pronunciare ripetutamente Wislawa Szymborska, per la tua faccia, la tua bici, le tue scarpe e le camicie sensazionali
    e per la condivisione di emozioni dopo i film e i concerti visti insieme a Maria

    una voce come la tua non si trova facilmente e la competenza costruita in trent’anni resta un patrimonio collettivo

    ovunque tu sia, per favore metti in scaletta per noi che siamo rimasti qui un brano sorprendente che ci accompagni nella tua assenza

    (Pronto?) Nico

    Comment by Nicoletta on 22/06/2016 at 10:07

  79. Le recensioni di film con Menarini, di libri con Nicoletta di Trame, la musica classica il sabato mattina, quanta roba…
    Non ti ho conosciuto, purtroppo anche tu te ne sei andato con troppa fretta, ma resterà qualcosa nelle nostre orecchie, per sempre.(RCDC, non cancellate Santi Time, rimangono con noi se li si ricorda!).

    Comment by Maria C. on 22/06/2016 at 10:26

  80. abbiamo scherzato una volta, in campagna abbonamenti, perché spesso ci siamo ritrovati a teatro, ai concerti, tutti e due “imbucati” e casualmente quasi sempre vicini di posto… senza conoscerci, ti ho ascoltato da sempre, speravo davvero tu fossi in viaggio.
    buon viaggio

    Comment by Raffaele on 22/06/2016 at 10:42

  81. Piero ci chiamava le “fatine” e ci aiutava sempre quando la nostra magia non riusciva a far funzionare il mixer.
    Grazie Pero, buon viaggio

    Fabiana e Erica

    Comment by Pillole di Fiaba on 22/06/2016 at 10:59

  82. Piero ci chiamava le “fatine” e ci aiutava sempre quando la nostra magia non riusciva a far funzionare il mixer.
    Grazie Piero, buon viaggio

    Fabiana e Erica

    Comment by Pillole di Fiaba on 22/06/2016 at 11:01

  83. Stamattina, mentre ascoltavo il tg di network, mi è sembrato irreale non poter risentire la voce di Piero Santi uscire dalla radio…l’avevo conosciuto, meglio riconosciuto, un giorno al rock shop; mi aveva consigliato un cd di Tom Waits ed io, sentita la sua voce sono trasalito e mi sono detto:”ma questo è Piero Santi!!!”.
    Ciao e grazie di tutto.

    Comment by Fabrizio on 22/06/2016 at 11:08

  84. Che notizia triste! Il Santi Time per me era sempre un appuntamento fisso. Eri la compagnia perfetta per il momento più bello e più rilassato della settimana. Apprezzavo molto i tuoi suggerimenti di musica classica e il tuo spirito durante la campagna abbonamenti. Se rcdc è diventata anche la mia radiolina preferita era anche grazie a te. Non ti dimenticherò.

    Comment by Volker Telljohann on 22/06/2016 at 11:32

  85. Prima lascio’ Mirco poi Danilo infine Tanino, ora tu Piero . Non ci posso credere cosa rimane dei tanti sabati della mia giovinezza? Ci dicono che diventare grandi ci dovrebbe aiutare ad accettare il corso della vita, ora che grande lo sono non accetto un bel niente! Piero e’ vivo e trasmette insieme a noi. A sabato prossimo caro Piero.

    Comment by giacinto on 22/06/2016 at 13:58

  86. Piero l’essenza di questa radio. Mi manchi già tantissimo. Un’assenza incolmabile la tua così come le tue bellissime trasmissioni che mi hanno fatto amare questa radio soprattutto grazie a te e alla tua bella voce calda e garbata piena di simpatia e umanità così come sei tu anche se non ti ho conosciuto personalmente. Per me eri e rimani un amico dell’etere in questa radio assolutamente insostituibile.
    Ti ringrazio Piero di tutto.
    Francesca

    Comment by Francesca on 22/06/2016 at 14:08

  87. Nel lontano ’97/98 per la CGIL di Bologna curavo un incontro settimanale in radio, dedicato ai diritti dei lavoratori e lavoratrici, e aperto alle domande degli ascoltatori. Il regista era Piero Santi. I conduttori Mirco o Paolo.
    Talvolta, quando non potevo fare altrimenti, portavo con me mia figlia, piccolissima, in carrozzina, che ogni tanto schiamazzava o piangeva in diretta. Lui era divertito. Non dimenticherò la sua bella voce e la sua simpatia. Gianna

    Comment by Gianna on 22/06/2016 at 14:13

  88. Ciao Piero allegro,malinconico,professionale,divertente,divertito,ironico.sabato mattina sonnacchioso.recensioni con Roy imperdibili.grazie mi mancherai
    Marina

    Comment by marina zauli on 22/06/2016 at 14:43

  89. Mi mancherà moltissimo ascoltarti.
    Grazie di tutto Piero.
    Sono certa che hai già fondato una nuova radio, là dove ti trovi ora.
    Erica

    Comment by Erica on 22/06/2016 at 14:59

  90. Non conoscevo Piero di persona, ma, grazie alla radio, è come se lo avessi conosciuto. Semplicemente il miglior conduttore radiofonico che io abbia mai sentito. Grazie Piero!

    Comment by Carlo on 22/06/2016 at 15:04

  91. Che tristezza che dispiacere, il suo approfondimento culturale del pomeriggio mi rimetteva in pace con il mondo dopo una giornata vissuta come un alieno. Mi viene da piangere.

    Comment by Bruno on 22/06/2016 at 15:32

  92. Conoscevo Piero solo attraverso la radio e i suoi programmi ma mi sento come se avessi perso un caro vecchio amico. Un compagno.
    Un abbraccio a tutti
    olaf

    Comment by olaf on 22/06/2016 at 16:26

  93. CiAo Piero , sono al lavoro ed ho saputo solo ora questa tristissima , incredibile notizia. Non ho davvero parole per descrivere il vuoto che mi lascerà la tua assenza, in radio e come persona, dai Lunedì notte con te e Alberto , alle risate, alle ore ripensando ai tuoi rimandi culturali sempre belli e acuti . Grazie per tutto questo e per il resto . Lascerai un grande vuoto! Un grosso abbraccio a Maria
    Mauro

    Comment by mauro on 22/06/2016 at 17:58

  94. Piero Santi era una di quelle persone rare che ce ne sono poche e che incontri raramente nell’arco di una vita, ho avuto la fortuna di conoscerlo per amicizie comuni , di apprezzare la sua voce per radio di andare a vedere gli spettacoli da lui segnalati , di comprare cd di musicisti che proponeva, una persona umile e ironica che girava con la sua compagna in graziella per le vie della città, un giornalista libero, intelligente. Quando ho cominciato a fare cose culturali l’ho trovato affianco a me a sostenere incuriosito i miei Reading Sul Fiume a Borgo Panigale e poi Borgo Teatro , gli angeli nel parco e la Cultura in Condominio il mio ultimo progetto conclusosi proprio il 21 giugno scorso come la sua vita. Che dire mancherai molto a questa città ma anche a me ogni volta che ti incrociavo era un regalo bello parlare con te , mi chiedevi sempre quello che facevo, eri una persona curiosa è la curiosità è l’anima della vita dovremmo impararlo tutti .
    Piero ti rincontrerò magari in un altra vita sotto altra forma e ci riconosceremo sempre, non possiamo non riconoscerci, un abbraccio etereo a te e vero a Maria .

    Comment by mirco on 22/06/2016 at 18:10

  95. Piero, in questi giorni mi sembra di non ricordare niente. Dell’anno che siamo stati vicini di casa con te e Maria, degli incontri scontati con saluti da lontano ad un qualunque spettacolo, della giornata intera passata a Ravenna a guardarci per dodici ore uno spettacolo di Peter Stein, del giorno in cui ti abbiamo presentato nostra figlia, del modo accorto e curioso con cui hai seguito negli anni il mio lavoro, di quando ti ho conosciuto in Via Cartoleria, prima casa della Radio. Di aver fatto più di un migliaio di trasmissioni in ventisette anni quasi sempre con te sotto vetro dall’altra parte, dei gesti indignati o risate sornione scambiate con te, sempre sotto vetro, dopo un commento o una dichiarazione inascoltabile. Dei tuoi cenni “di chiudere”, dei miei cenni “ho finito”.
    Della tua pacata, confortante ironia, delle tue risate “a scatto”e, sì, delle tue scarpe e dei tuoi pantaloni che sorvegliavo con esibita severità, seguendo uno stucchevole rito cui pazientemente ti sottoponevi, quando ti vedevo arrivare il sabato mattina.
    Quando penso a te in questi giorni fatico a ricordare tutto questo. Forse ricorderò meglio fra qualche giorno. Caro Piero.

    Comment by Tanino De Rosa on 22/06/2016 at 18:11

  96. Ciao Piero…

    Comment by Francesco Olivieri on 22/06/2016 at 19:28

  97. Caro Piero, una volta a un concerto mi hai comprato una maglietta che mi piaceva. L’hai fatto come un fratello maggiore, così, senza pensarci troppo e senza motivo. È successo tantissimi anni fa ma è uno dei ricordi più teneri che ho di di te e che ricorderò sempre.
    Tu sei una persona indimenticabile.
    Laura

    Comment by Laura Cacciari on 22/06/2016 at 20:13

  98. Caro Piero e cari amici di rcdc

    Con dolorosa sorpresa abbiamo appreso che tu non ci sei più. Il “Pronto Roy?” della voce della nostra radiolina preferita é diventato lessico famigliare. Eri uno dei punti di contatto con la nostra città dopo la nostra partenza quasi dieci anni fa.

    Ci mancherai, ma non ti dimenticheremo

    davide & giuse

    Comment by davide on 22/06/2016 at 21:37

  99. Piero Santi sei il miglior conduttore radiofonbico che io abbia mai sentito,sono completamente d’accordo con chi lo ha già scritto, intelligente e con una bellissima voce pacata e garbata che sapeva dare un gusto particolare alle tue trasmissioni del pomeriggio Humus e il Santi Tme del sabato. Continuate a proporcele per favore e a mantenere in qualche modo i suoi preziosissimi spazi che solo lui sapeva condurre in quel modo straordinario e particolare che riusciva a catalizzare rutta la mia attenzione e curiosità sulla parte cultura musicale teatrale e di cinema, con i collegamenti con Roy Menarini e il verde o giallo con verde lo passiamo ? che dici Roy ? Straordinario Piero! Non mi rassegno alla tua perdita e quindi ti dico che “diventare grandi ci dovrebbe aiutare ad accettare il corso della vita, ora che grande lo sono non accetto un bel niente! Piero e’ vivo e trasmette insieme a noi. A sabato prossimo caro Piero” e aggiungo io aspetto di riascoltare humus il pomeriggio.
    Ti voglio bene Piero. A presto. Tina

    Comment by Tina on 22/06/2016 at 22:34

  100. Caro Piero,
    da due giorni ripasso le cose che mi hai insegnato, quando ti vedevo di persona e quando ti ascoltavo da casa, mentre parlavi dalla mia “radiolina preferita”. Mi vengono in mente tanti piccoli momenti, poi la tua bicicletta, i tuoi abiti sempre un po’ sopra le righe, il tuo sorriso, la tua voce, ancora la tua bicicletta e il tuo sorriso – e non riesco a mettere a fuoco la tua assenza. Possibile che d’un tratto una persona intelligente, sarcastica, colorata, semplicemente viva come eri tu possa sparire? No, non credo. Ti portiamo con noi e facciamo vivere la ricchezza che ci hai lasciato. Ci credo davvero. Ma è ingiusto, troppo ingiusto. Questo non va giù. Ciao, Piero. Grazie di tutto.
    Donatella

    Comment by Donatella Allegro on 23/06/2016 at 02:10

  101. Ciao piero

    Comment by carla on 23/06/2016 at 07:29

  102. Grazie Piero che bella persona, totale, ricca, hai preso e hai dato, dato tanto, nobile e generoso, amico e compagno, hai reso la vita più bella, è stato intenso il vissuto con te, risate e rabbie, molta musica, Rock Shop, cinema, teatro, cibo, le tue due case, la dolce e bella Maria che abbraccio, e la Radio… Cartoleria, Mura porta S.Felice, Berretta Rossa, i lunedì seconda serata e notte io in onda e tu a preparare montare interviste e servizi, dopo chiacchere notturne, a volte l’osteria; poi… ho smesso di trasmettere alla radio, cambiati i miei impegni, ci siamo allontanati, ti avevo un poco perso, ma si dice “tanto c’è tempo”, ora ti ho perso per sempre, non c’è più tempo.
    Addio Piero, ti voglio bene, vivo e vivrò il ricordo di te.
    Alberto Antonini

    Comment by Alberto Antonini on 23/06/2016 at 09:52

  103. Cari amici della Radio, vi ascolto dal 1992 e ormai fate parla delle voci familiari di cui amo circondarmi quando sono a casa, soprattutto in solitudine. Mi rendo conto che spesso la voce di Piero ha alleggerito il mio cuore e mi faceva sorridere, talvolta ridere, non so sapevo che qualcosa di buono veniva da quelle parti di Bologna da cui andava in onda la diretta. Incredibile come si abbia la consapevolezza di quanto abbia valore qualcuno o qualcosa quando viene a mancare e ti rimane il mistero dell’assenza, di qualcosa che non sarà più. caro Piero non ti ho mai conosciuto, ma forse un po’ anche sì. grazie che sei stato per noi e con noi per tanti anni. Sempre vivo nel mio cuore
    Manuela Bagatta

    Comment by Manuela Bagatta on 23/06/2016 at 10:47

  104. Sempre gentile e competente al Rockshop. Un vero appassionato di musica, presenza costante ai concerti. Buon viaggio

    Comment by Fabrizio on 23/06/2016 at 11:32

  105. Non ti ho mai conosciuto di persona, ma eri comunque una voce amica. Un saluto e un abbraccio

    Comment by Francesco Bedussi on 23/06/2016 at 11:48

  106. La voce gentile e simpatica di un uomo arguto e colto, il sabato mattina. La sua trasmissione era un appuntamento lieto nella mia settimana. Per tanti anni mi ha fatto compagnia con la sua sottile ironia.
    Mi mancherà moltissimo.

    Comment by Caterina on 23/06/2016 at 12:24

  107. Caro Piero, grazie per il lavoro ‘pioneristico’ che mi hai aiutata a fare per il vecchio sito Cartellone, un’idea nata perché tu sapevi parlare di teatro in un modo tale che invogliava ad andarci.

    Comment by stefania santi, assessorato cultura regione emilia-romagna on 23/06/2016 at 14:10

  108. Come molti hanno già fatto, propongo di mantenere “Santi time”….comprendo il peso di tale eredità, Piero era ed è insostituibile, quindi propongo di trasformarla in una trasmissione senza un conduttore fisso, un alternarsi delle varie anime che compongono la radio, che Piero conteneva tutte….Un abbraccio a tutti noi “orfani”

    Comment by Giorgio on 23/06/2016 at 14:55

  109. Piero, un nome comune, un nome come tanti…tu sei un Piero speciale.
    Non ti ho conosciuto di persona e mi dispiace…ti mando un abbraccio ed un saluto, ovunque tu sia….
    Manola

    Comment by Manola on 23/06/2016 at 17:16

  110. piero santi era un’istituzione radiofonica, il migliore speaker radiofonico “dai tempi de marconi”, il suo modo di fare radio coniugando la buona musica con l’arte, il cinema, la letteratura, i fumetti, il teatro e non mi viene in mente nient’altro ma ce n’era rappresentava una sintesi superba di quanto di meglio si possa sperare di ascoltare quando si accende la radio, una specie del meglio di radio2 e radio3, depurato dalle frivolezze commerciali della prima e dalle pesantezze inascoltabili della seconda.
    ciao piero, la mia casa è un pò più vuota senza la tua voce

    Comment by massimo on 23/06/2016 at 18:46

  111. …uno dei tanti che ti ha conosciuto ai tempi del Rock shop in via Mazzini, si è abbonato alla radio grazie a te e a Danilo, e ti ha ascoltato in questi anni: grazie!

    Comment by Gianni on 23/06/2016 at 20:20

  112. mi dispiace molto, mai conosciuto sempre ascoltato.
    mi mancherà non sentirlo. e poi chi potrà mai rimeterre Varenne!

    Comment by giovanni on 23/06/2016 at 22:56

  113. Semaforo verde per Piero!

    Comment by Stefano on 24/06/2016 at 10:42

  114. Provo a raccontare alcune “utlime” cose che Piero ha fatto in questi giorni, alcune nel tragitti (a piedi) dall’ospedale a casa:
    – ha comprato dischi da Ricordi – chiudeva, c’erano buone occasioni;
    – ha rinnovato la tessera elettorale per votare il primo turno (“ci abbiamo messo troppo per conquistare il diritto al voto per permettersi di non votare..”);
    – ha votato il primo turno, esprimendo preferenze a qualcuno di noi candidato;
    – ha visitato il Mambo (“vorrei vederlo un’ultima volta”);
    – ha ascolato musica (“per queste occasioni il cool jazz va bene…”);
    – si è sposato, ed era contento di farlo;
    – ha cercato di votare il secondo turno, ma non è stato possibile;
    – ha cercato di andare al cinema, ma non è stato possibile;
    – ha chiesto a Maria, sua moglie, di tenergli la mano, e questo è stato possibile…

    Lo riconoscete?

    Maria grazie, ciao Piero

    Marzio

    Comment by Marzio Amadori on 24/06/2016 at 12:46

  115. …ho saputo di Piero solo ieri mattina e la notizia mi ha sconvolto come penso a Tutti della Radio. Domenica iniziero’ la puntata ricordandolo dedicandogli una canzone di Robbie Basho…Orphan’s Lament! Un saluto a tutti da Granada!
    Andrea

    Comment by Andrea Folk Bottom on 24/06/2016 at 18:56

  116. Caro Piero…sembra impossibile. Non ti abbiamo mai conosciuto ma sei parte della geografia famigliare, semplicemente non sembra vero non poterti sentire domani.
    Vogliamo mandare un grandissimo abbraccio a tutta la radio e dirvi che vi siamo vicini, che siamo insieme in questo dolore.
    Ciao Piero

    Comment by Ale e Fra on 24/06/2016 at 23:10

  117. È sabato mattina. Ore nove. Sono al lavoro e con una certa nostalgia ho risentito la “sigla con le trombe di Piero” del sabato mattina. Grazie ai bravi colleghi della radio per mantenerla in vita. Come in vita è ancora (e sarà sempre) Piero. È solo andato là dai suoi beniamini Jeff Buckley, Elliot Smith, Jason Molina che amava tanto e che ha contribuito far conoscere anche a noi ascoltatori. Lui starà bene perchè è questo che merita e sarà sicuramente, già ora, in compagnia di qualche brano musicale. Siamo noi terreni che soffriamo tremendamente la sua mancanza e la sua curiosità. Mi piaceva molto la conduzione di Piero perchè non era laccata e perfetta. Talvolta un’indecisione, un’amnesia, una ripetizione, ma era proprio questo aspetto umano e umile che mi piaceva di lui. Una persona viva appunto. (E sarà per sempre)

    Comment by Christian Tura on 25/06/2016 at 09:41

  118. Tra le persone che mi hanno insegnato ad ascoltare e scegliere la musica. Gran vuoto.

    Comment by Carlo on 25/06/2016 at 10:19

  119. Da sempre ascoltatore e abbonato silenzioso, anche questa mattina, da lontano, ho ricordato con le vostre parole la voce più amata. Grazie a voi, grazie Piero.

    Comment by Eric on 25/06/2016 at 13:22

  120. Piero di persona non l’ho mai conosciuto, ma la sua voce mie era cara e familiare e non solo per il suo speciale impasto di corpo e suono, ma per quegli squarci che sapeva aprire , visioni, mondi. Apprendere della sua morte mi ha addolorata profondamente e turbata e nello smarrimento di questi giorni, fatti di parole orfane, di piedi scalzi e domande, da piegare le ginocchia, ho capito di essermi aggrappata per anni alla sua, alle vostre voci, come una radice che succhia appartenenza e vita dalla terra, ed ogni giorno non ho semplicemente acceso una radio ma ho aperto una porta, ho fatto entrare delle amiche e degli amici, dai volti solo immaginati, angeli e demoni, uniti dallo stesso viaggio libero.
    E di questo viaggio io sono una parte.
    Non fermatevi, non fermiamoci mai
    E di viaggio in viaggio, chissà quante altre volte ci toccheremo, mettendoci in volo.
    Grazie a tutti e tutte
    Grazie Piero

    Comment by Stefania on 26/06/2016 at 07:56

  121. Anche se sono passati dei giorni da quando Piero
    Non c’e’piu’,leggendo tutti questi commenti in cui mi ritrovo totalmente,sento il bisogno di dare anche io il mio saluto: ascolto la radio dai tempi di radio citta’ ed e’ sempre stata una voce di riferimento dove sentire le cose che si desidera sentire e che con leggerezza e continuita’ formano la nostra persona.Piero con le sue indicazioni musicali o cinematografiche con roy menarini
    Ha contribuito a definire la mia persona ed e’ diventato nel tempo un appuntamento naturale e atteso.
    Spero che da dove ci osserva sia felice e consapevole di quanto ci ha regalato con naturalezza e finezza.
    Grazie di tutto e sii fiero di te.

    Comment by andrea on 26/06/2016 at 15:16

  122. non conoscevo la tua voce radiofonica ma “solo” quella in diretta . Ho avuto l’onore di cucire ,quando tornavi a Città di Castello, secoli fa, le tue famose camicie “sobrie”. Che risate mi hai fatto fare!!! Un abbraccio a chi ti piange.
    Nicoletta.

    Comment by nicoletta on 26/06/2016 at 18:24

  123. Ci sono passioni che si fanno ricordare e non cancellano voci, sorrisi, sguardi, mai. Passioni che restano come scie nel cielo, di un qualcosa che se n’è andato, ma rimane.
    Buon viaggio, Piero.

    Silvia
    la compagna di Mauro Comellini

    Comment by silvia vicchi on 27/06/2016 at 14:55

  124. Piero…cosa mi hai combinato? Torno ora dall’estero e scopro nel modo più drammatico il motivo per cui da un po’ non ti ascoltavo più sulle frequenze della nostra radiolina. Mi mancano le parole e sono sopraffatto da un affollarsi caotico di immagini. Ricordi quando cominciammo a fare radio assieme in via Masi? Avevamo il mondo in mano e sembrava davvero che “tutti i porti fossero aperti”. Ricordi quando le nostre strade si separarono? Io sempre a Radio Città 103 e tu che salpasti per la tua nuova avventura. Una piccola divergenza di opinioni che non scalfì mai minimamente il nostro legame, spesso intessuto di lontananze, ma sempre pieno di rispetto ed ammirazione. Santo cielo Piero, come eri bravo col microfono! Mi è sempre piaciuto il tuo modo di giocare con le intonazioni, in un continuo rimando di citazioni e sorrisi, che inondavano di calore non solo le frequenze radio ma anche le nostre case. Ricordi poi le anteprime cinematografiche dove ci scambiavamo dotti commenti…in attesa di avventarci sul buffet?
    Piero mi mancherai, mi mancheranno perfino le tue scarpe improbabili.
    Che la terra ti sia lieve
    Massimo Gaiba

    Comment by Massimo Gaiba on 04/07/2016 at 23:53

Allowed HTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Get the Flash Plugin to listen to music.