Careleaver e caregiver: la politica si sveglia ma i soldi sono sempre pochi

29 nov. – Ci sono i careleaver e caregiver, parole inglesi che indicano due categorie ben distinte di persone: i ragazi che sono cresciuti nella case famiglia o in comunità, hanno appena compiuto i 18 anni e si ritrovano fuori da ogni progetto di assistenza e senza una famiglia alle spalle; e tutte quelle persone che curano parenti o convinventi in condizioni di disabilità. I primi sono circa 3 mila ogni anno, i secondi sono milioni. La politica nelle ultime settimane ha battuto un colpo, stanziando 15 milioni di euro per i careleaver (“una data storica, prima non esistevamo”, dicono le associazioni) e 60 milioni per i caregiver. Un inizio, ma si tratta comunque di cifre ancora non sufficienti. Ne abbiamo parlato con Federico Zullo dell’associazione Agevolando, con la senatrice Pd Annamaria Parente, e con Alessandra Corradi, autorice della petizione petizione su change.org (qui il testo) per chiedere una legge sui caregiver familiari “giusta e di tutela”, capace di recepire le richieste delle associazioni e delle famiglie e di garantire una rete di servizi, supporto e formazione a coloro che si occupano dei propri cari.

 

      WelfareRcdc - 29 novembre 2017

 

Ogni mercoledì dalle 9.30 alle 10 su Radio Città del Capo va in onda “Welfare – Esplorazioni nel sociale che cambia“, trasmissione che vuole raccontare il welfare in tutte le sue sfumature, partendo da storie concrete. Welfare vi racconterà storie di tutte Italia, sperimentazioni sociali o progetti già radicati che contribuiscono al benessere degli anziani, dei disabili, dei frequentatori degli empori solidali, dei senza casa, degli utenti dei servizi di salute mentale, di tutti coloro che hanno bisogno di assistenza. Welfare vi farà sentire la loro voce, quella dei volontari e degli operatori sociali, quella dei medici e di chi costruisce welfare tutti i giorni.

Tutte le puntate di Welfare.

 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.