Campagnoli: non ho candidato Guazzaloca Sindaco

Riceviamo e pubblichiamo la risposta di Duccio Campagnoli alla nota politica del Direttore Paolo Soglia del 15 maggio scorso, nella quale  si analizzava  criticamente la proposta di far partecipare alle primarie del centrosinistra anche l’ex sindaco Giorgio Guazzaloca.

caro Paolo Soglia,
come si poteva e si puo’ controllare nelle mie parole su La Repubblica del 12 maggio, non ho candidato Guazzaloca sindaco: il giorno prima, sempre su La Repubblica un giornalista autorevole come Mauro Mori aveva richiesto al candidato segretario PD Raffaele Donini “di non accontentarsi delle candidature di Cevenini e Campagnoli ma di invogliare (sic) altri candidati senza tessera”. E quindi io, richiesto di una valutazione, mi sono permesso di osservare che ”é giunto il tempo per il PD di smettere di far  battute (sin qui le più riportate sulla stampa locale) sul fatto che il candidato potrà essere con o senza tessera; e di cominciare (invece) a definire l’agenda e i metodi per la ricerca programmatica, e la selezione di candidature e alleanze”. Quanto all’apertura richiesta poi, io penso che occorra saper guardare con rispetto ad ogni impegno civico, che poi possibilmente sia senza tessere ma non anche senza voti; che bisognerà “lavorare seriamente a un confronto programmatico con tutti”. E che, per me,”se Guazzaloca e i suoi civici chiariranno di non avere più intenzione di stringere rapporti o alleanze con il centro-destra il PD deve aprirsi (anche) al mondo che rappresentano”. Posizione naturalmente egualmente criticabile e magari da parte Tua altrettanto severamente, ma credo non  “delirante”,almeno per il PD come abbiamo potuto chiarire e condividere anche con Donini. Anche sul piano giornalistico, in ogni caso non dimenticherei che la lista Guazzaloca ha avuto e mantenuto nelle elezioni comunali dello scorso anno, (anche al ballottaggio), una posizione autonoma dal centrodestra; e non credo sia peccaminoso auspicare e chiedere che continui a farlo,visto che, per il centrodestra, di Bologna sembra si discuta solo a Roma; e, sembra, sempre più con le indicazioni di Bossi e della Lega . Quanto alle candidature, io vado richiamando sin dai difficili tempi di marzo la necessità di ricercare la piu‘ ampia partecipazione,e quindi  di primarie verissime,fatte, per il PD, ovviamente con le regole del suo statuto e della coalizione con la quale le indirà. Perché le mie parole siano poi state riprese lanciate e bersagliate sempre dal Mori come addirittura “ritorno del tarlo di ex PCI che già dal ’98 volevano Guazzaloca sindaco” è cosa su cui veramente mi interrogo. Da quel che ho letto,comunque ,Guazzaloca innanzitutto, che è persona politicamente  intelligente, non ha risposto alle mie parole come a una proposta di candidatura. Ma ,mi sembra, con una disponibilità di dialogo e confronto su ciò che serve a Bologna. Non so se sarà così.
Per ora a me questo non dispiace e spero possa mitigare o non accrescere la tua indignazione.
Grazie per l’attenzione

Duccio Campagnoli

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.