Bologna ricorda Dalla a cinque anni dalla sua scomparsa

Lucio Dalla

Bologna, 1 marzo. — Sono trascorsi cinque anni dalla scomparsa di Lucio Dalla e la città si prepara a ricordare il cantautore per quattro giorni di commemorazione, fino alla data in cui avrebbe compiuto 74 anni, il 4 marzo. Numerose le realtà bolognesi coinvolte, che contribuiranno a diffondere l’eco delle sue canzoni per le strade della città; primo tra tutti, il Teatro Comunale di Bologna che, dalle 10 alle 20 di oggi, trasmetterà l’intero repertorio musicale in Piazza Verdi. La capacità di Dalla di coniugare musica alta e musica popolare emerse proprio nelle collaborazioni con il Teatro: nel 2005 fu la voce recitante di Pierino e il Lupo di Sergej Prokof’ev, mentre tra il 2007 e il 2008 curò la regia di Pulcinella di Igor Stravinskij, Arlecchino di Ferruccio Busoni e The Beggar’s Opera di John Gay.
Per il progetto A Casa di Lucio va in città, promosso dalla Fondazione Dalla con Elastica e CNA, sono previste invece installazioni audio diffuse, tra le quali la “sonorizzazione d’artista” curata dal sound designer Hubert Westkemper. Nei giorni del 2, 3 e 4 marzo il suono delle campane della Torre dell’Orologio sarà sostituito dalle note delle sue canzoni e da frasi che scandiranno il tempo ogni 15 minuti.
La memoria di Dalla non attraverserà solo luoghi di cultura a lui cari, ma anche i mezzi di trasporto: alcuni taxi Cotabo, sponsor del progetto “A Casa di Lucio”, trasmetteranno una selezione di suoi pezzi. “Lucio Dalla aveva in comune con i tassisti il grande amore per Bologna – ha commentato Riccardo Carboni, presidente di Cotabo -. Ha contribuito a far conoscere la nostra città in tutto il mondo. Le sue canzoni e la sua musica ci hanno resi migliori, hanno reso migliore il nostro territorio, qualificandolo sempre più come un polo artistico, culturale e musicale di attrattiva internazionale”.
La serate A Casa di Lucio e in Piazza de’ Celestini saranno invece animate da giovani musicisti che interpreteranno alcuni tra i suoi più grandi successi, come gli studenti del Liceo musicale Lucio Dalla e Novensemble Senzaspine. Non mancheranno amici e artisti che tratteranno il tema dell’eredità artistica di Dalla: Rita Pavone, Teo Ciavarella, i registi Pupi Avati e Gabriele Muccino, che proporrà una lettura inedita dei suoi testi in chiave cinematografica. La serata del 4 marzo si chiuderà in presenza dei musicisti Brunori Sas e Dente, già autori di una cover di Disperato erotico stomp. Gli unici ospiti dell’appartamento di Via D’Azeglio saranno gli studenti del liceo musicale e gli amici dell’Associazione Piazza Grande, mentre per il pubblico è prevista la diretta sul maxischermo in Piazza de’ Celestini, ogni sera a partire dalle ore 20.30.

di Roberta Cristofori

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.