Bologna, ad Avellino buona la prima

E’ un Bologna compatto quello che affronta l’Avellino nella prima gara dei play off.
Delio Rossi conferma Mbaye in difesa e schiera la formazione tipo: centrocampo con Matuzalem, Buchel e Casarini con Laribi trequartista e Mancosu prima punta affiancata da Sansone
I rossoblù nel primo tempo ribattono colpo su colpo gli assalti degli Irpini e dopo un paio di sfuriate che non portano però molti patemi dalle parti di Da Costa colpiscono in contropiede:al 24° Laribi lancia Sansone sul filo del fuorigioco, l’ex Sampdoriano entra in area e anticipa il tiro sorprendendo Frattali.
La gara prosegue con un copione scritto: Avellino in avanti a cercare il pari e Bologna a controllare pronto al contropiede.

Nella ripresa i rossoblù si fanno vivi nell’area avellinese con Laribi al 7° e con Casarini su punizione, poi progressivamente rinunciano ad aggredire e si limitano a controllare. L’avellino nonostante i 120  minuti giocati in 10 venerdì scorso a Spezia corre e prende campo cercando il pari, anche se in maniera molto confusa. La  migliore occasione per gli irpini capita al 59’, quando Zito su liscio di Casarini si ritrova la palla a pochi metri da Da Costa, ma il portiere rossoblù è bravo a respingere  il suo tiro.

La gara sembra non finire mai: l’arbitro Pasqua di Tivoli aggiunge un minuto e mezzo in più ai già abbondanti 5 minuti di recupero, ma le folate dei padroni di casa non riescono mai a superare la barriera difensiva di un Bologna apparso oggi molto tonico in fase difensiva. Semmai permane la sensazione che i rossoblù si accontentino un po’ troppo del risultato positivo senza mai cercare veramente di chiudere la gara.

Il Bologna non batteva l’Avellino in casa da 34 anni (correva il 1981…). Martedì prossimo il ritorno al Dall’ara con i rossoblù che hanno un piede e mezzo già in finale.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.