Bachi da Pietra ad Area51

bachi-da-pietra-intervista- foto di Gabriele Spadini

Foto di Gabriele Spadini

Giovanni Succi (voce, chitarre e basso) (ex Madrigali Magri) e Bruno Dorella (batteria) (ex Wolfango e colonna portante di Ronin ed OvO) danno vita al progetto Bachi da Pietra nel 2004, esordendo già l’anno successivo con Tornare alla Terra (Wallace Rec., registrato nella cripta della Chiesa di Sant’Ippolito di Nizza Monferrato) e ripetendosi due anni dopo con Non Io (Wallace Rec./ Die Schachtel) e Tarlo Terzo (2009, Wallace Rec./Bronson produzioni). Grazie ad un’idea di Francesco Donadello dei Giardini di Mirò (il quale propone alla band di registrare alcune tracce all’interno del Teatro Dimora all’Arboreto di Mondaino nell’arco di un giorno e di una notte) nel 2010 viene realizzato il live Insect Track, un vero 33 giri con un Lato A e un Lato B accompagnato da un DVD contenente le riprese video di Luigi Conte e Rizoma Film, quasi contemporaneamente all’uscita del quarto album Quarzo (Wallace Rec./Santeria). In queste produzioni la parte del leone era affidata per lo più da un rock-blues dai suoni scarni, dalle atmosfere minimali e suburbane, ma la cosiddetta variazione sul tema arriverà all’indomani dello Split Ep del 2011 (La Tempesta / Wallace Rec. / Bronson Prod. / Estragon Lab, / Circolo Degli Artisti) realizzato in compartecipazione con i Massimo Volume, precursore dell’album Quintale (2013, La Tempesta/Woodworm, produzione di Giulio Ragno Favero), molto più duro e possente e allo stesso tempo più immediato dei suoi predecessori: dalle session di Quintale verrà dato alle stampe (per modo di dire, trattandosi di un prodotto a tiratura limitata) nello stesso anno l’Ep Festivalbug (Corpoc). Per celebrare il decennale di attività la band ha fatto uscire da poco un altro Ep intitolato Habemus Baco (Wallace Rec.) dove la musica diventa, se possibile, ancora più pesante rispetto a quanto mai scritto finora, mettendo in risalto tutte le malcelate intenzioni Metal insite da sempre nella loro musica. In studio Madesi finalmente capisce quanto possa essere scomodo vestirsi di una camicia di pietra.

Video Fessura:

http://www.radiocittadelcapo.it/programmi/area-51/
http://areablog51.wordpress.com/
https://www.facebook.com/area51ILprogrammaradiofonico

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.