Avvoltoi: oltre la gabbia beat – Live a Maps!

avvoltoi

17 ott. – Un libro, una storia d’amore e rock e il ritorno di un gruppo che, dopo una lunga pausa durata dal 1997 al 2004, calca i palchi con la stessa carica di 30 anni fa. Stiamo parlando degli Avvoltoi, la storica band bolognese composta da Moreno Spirogi, Nicola Bagnoli, Gianpiero Palazzino, Michele Rizzoli e Luca Macaluso. Ora in tour con il nuovo disco Confessioni di un povero imbecille, concept  album basato sul primo romanzo di Gianluca Morozzi, Despero, (in studio con noi per il live della band prima della serata al Locomotiv Club) ci raccontano come tutto ebbe inizio: “Mi sono subito innamorato della storia“, ricorda Moreno. “Per anni ho inseguito l’idea di incidere questo disco suddiviso in due atti: nel primo ripercorriamo la storia dei Despero, nel secondo cantiamo l’esperienza di ogni band che, almeno per un momento, ha cavalcato l’onda del successo“.

Il disco ruota intorno alla vicenda dei Despero e l’amore disgraziato vissuto dal fondatore Kabra, protagonista del romanzo di Gianluca, “scritto con un computerino nel corridoio di casa“, come ricorda ironicamente lo scrittore. Il gruppo rielabora in chiave personale le tematiche attraverso i testi scritti da Moreno e accompagnati dalle sonorità a volte sognanti, a volte ruvide, dell’inconfondibile tocco degli Avvoltoi, ritornati alle scene senza l’articolo che da sempre ha accompagnato la loro storia: “Toglierlo significa uscire da una gabbia, ossia il beat“, spiegano ai nostri microfoni. “Questa è l’Italia: un gruppo inizia con un genere ed è impossibile uscirne. Siamo cresciuti, abbiamo sonorità più anni ’70 e, il primo passo per uscire dalla gabbia è stato proprio eliminare quell’articolo”.

In studio abbiamo ascoltato tre brani in versione acustica, “Vi voglio finalmente tutti qua”, “1991″ e la title track “Confessioni di un povero imbecille”: potete ascoltare tutto qua sotto, comprese le scelte per la fatidica domanda dei dischi dell’isola deserta.

Elena Usai 

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.