Audizioni pubbliche. Davide Conte: “Ecco come rispetteremo le promesse”

Bologna, 21 ott. – “Un momento di dibattito pubblico dove le persone che sono candidate ad amministrare le municipalizzate, possono presentare il loro profilo, venire interrogate dai cittadini, dichiarare eventuali conflitti d’interesse, precedenti penali o carichi pendenti”. Così la campagna Riparte il futuro descrive l’importanza delle audizioni pubbliche per la scelta dei membri delle società partecipate. Un impegno, quello di introdurre le audizioni pubbliche, che il sindaco Merola aveva preso in campagna elettorale. poi il silenzio, nonostante le sollecitazioni di Riparte il futuro e di Coalizione civica. Oggi l’annuncio: rispetteremo l’impegno.

“Ci stavamo lavorando da qualche mese – spiega l’assessore al bilancio Davide Conte – Martedì prossimo presenteremo un giunta un atto di orientamento in cui definiremo nel dettaglio il nostro impegno, poi applicheremo questi criteri”. Audizioni pubbliche in arrivo, dunque.

Conte dice la sua anche sull’idea della consigliera di Coalizione civica Emily Clancy, che ha proposto i curriculum al buio (senza nome né sesso) per la selezione del Comitato dei garanti dei referendum consultivi. “Con le audizioni pubbliche sarà garantita l’esigenza di trasparenza, a quel punto penso che possa decadere la proposta dei curriculum al buio”.

“È interessante sentire dire ‘lavorano da mesi’ sulle audizioni pubbliche – è la replica della consigliera Clancy – La realtà però è che per ben due volte il Partito Democratico di Bologna ha bocciato la loro istituzione da me proposta. Ci tengo anche a sottolineare che le audizioni pubbliche per le nomine alle partecipate e i CV in bianco per il Comitato dei Garanti sono due misure ben distinte, seppure entrambe strumenti di trasparenza. Dunque, Assessore Conte, una non esclude l’altra”.

Tag

Get the Flash Plugin to listen to music.